martyrs_poster

Si assiste muti ad un’esperienza come Martyrs. Muti, non perchè sconvolti da ciò che viene mostrato, ma muti in quanto senza parole per descrivere l’altissima potenza teoretica e catartica di quest’opera profondamente intrisa di pazzia, religiosità, dolore ed epifania. Non commettete l’errore di liquidare Martyrs come l’ennesimo torture porn di turno, arrivato buon ultimo dopo Hostel, svariati Saw, l’interessante Frontier(s) e una ridda pellicole trascurabili e spesso di dubbio gusto. Se esiste un sommo codice di valutazione estetica per l’arte, probabilmente Matyrs ne resta al di fuori, vivendo una vita indipendente in un un’altra dimensione, fatta di luce e sangue, di tenebra e violenza. Difficile trovare le parole davanti a tanto supremo disfacimento, a tale e abbagliante gloria. Chi ha visto questo film faticherà a dimenticare l’amicizia tra le due protaginste, la donna magrissima piena di tagli che lacera carne e tessuti come una furia, la strage, Mademoiselle e gli occhi, quegli occhi di chi sa, di chi ha visto. Non di certo un film per tutti, ma un film che prima o poi tutti dovrebbero vedere, intriso com’è di profonda, cieca, ottusa, merevigliosa religiosità. Tutti siamo vittime ormai, non ci sono più martiri, il dolore è la via, il sangue la indica, il corpo è il mezzo. Opera altissima, esperienza degradante, zenit e nadir dell’anima di un genere che ha bisogno di reinventarsi, di ripartire da zero. Il genere umano.

Advertisements