MiaMadre_Moretti_PosterCome si fa a non amare questo film, a non voler bene al suo regista? Moretti mette tutto se stesso e il suo cinema in questa splendida pellicola che racconta con trasporto un rapporto da recuperare, anzi da capire e reinterpretare, attraverso il ricordo e a tratti il sogno. Nel mezzo, il cinema, tantissimo cinema, una fotografia non banale del nostro paese e la descrizione di un rapporto madre figlia, tra i più sinceri e toccanti che si siano visti recentemente in sala. Quello che infine spiazza veramente è il modo assolutamente non agiografico e totalmente trasparente in cui viene rappresentata la vecchiaia, una fase della vita che spiazza e lascia inermi. Mia Madre con il suo intimo equilibrio che profuma di catarsi, parla di tutti noi e così facendo ci costringe a volgere lo sguardo verso il domani e comunque a sorriderne.

John Turturro poi, regala attimi di travolgente e geniale umorismo.

Advertisements