Pixel-posterE’ un piacere vedere che al timone di questa spassosa commedia dal frizzante sapore anni ’80, c’è quella vecchia volpe di Chris Columbus, un tempo director di commedie familiari ad orologeria. Forse proprio di lui aveva bisogno una pellicola come Pixels, così profondamente e certamente semplicisticamente nostalgica di un certo tipo di mondo che appartiene ormai al passato. Al di là delle decine di citazioni videoludiche che spaziano da Galaga a Q-Bert, passando per Space Invaders e l’immancabile Donkey Kong, bisogna riconoscere che almeno la sequenza con protagonista un enorme Pac-Man resta da antologia, lasciando a bocca aperta appassionati e semplici neofiti.

Il tempo vola e alla fine della fiera non sembra nemmeno di averlo buttato via. Dissetante.

Annunci