We're-The-Millers-PosterEcco uno di quei film che non ti aspetti. Di solito siamo portati a pensare che le risate più sane e divertite della nostra recente esperienza cinematografica ci giungano da qualche commedia indipendente e terribilmente scorretta, di solito appannaggio di attori come Jack Black o Seth Rogen, pensate quindi la mia sorpresa, quando mi sono ritrovato a ridere di gusto, fino al mal di pancia, grazie a Jennifer Aniston e Jason Sudeikis, in quella che per ora è una delle esperienze più spassose degli ultimi anni. Commedia che gioca come poche altre in maniera scorretta e scurrile sull’americanissimo concetto di famiglia, We’re the MILLERS (vi prego non usiamo il terrificante titolo italiano…) inanella una serie di trovate da antologia. Sequenze come quelle del taglio di capelli, del poliziotto messicano in cerca di una mazzetta, della notte in tenda con ménage allargato o del gioco dei mimi, rendono giustizia solo parzialmente al vulcanico e travolgente plot, che fin dai suoi presupposti (un piccolo spacciatore mette insieme una famiglia finta per poter passare indisturbato il confine con il Messico dove ha ritirato una grossa partita di droga) non lascerà indifferente nemmeno il più scettico tra gli spettatori. Merito della scrittura al fulmicotone con tempi comici serratissimi ed implacabili come un orologio, ottimamente orchestrati da un cast in forma splendida, capace di far detonare uno dopo l’altro tutti i luoghi comuni che di solito ammorbano questo tipo di pellicole familiari. Certo non siamo al cospetto di una rivoluzione, eppure la famiglia disfunzionale qui rappresentata, pur crogiolandosi nelle dolci pieghe di uno scontato happy end, non risparmia colpi pesanti e ben assestati ad una istituzione altrove sacra ed intoccabile, mostrandone i limiti, le ipocrisie, le debolezze e soprattutto i sordidi segreti. Largo quindi ai MILLERS, accozzaglia borderline di caratteri unici ed incontrollabili, generati dal caos che trovano realtà e sostanza proprio nel caos stesso, unico comun denominatore capace di dare un senso a sentimenti, pensieri e parole, che apparentemente sembrano non averne. Insomma, largo ai MILLERS, famiglia normale e speciale, esattamente come tutte le altre.

Annunci