Natale-134Per chi non lo sapesse, l’intento e’ quello di segnalare un film al giorno fino ad arrivare alla vigilia di Natale, collezionando così un vero e proprio calendario dell’avvento. La novità rispetto agli anni passati riguarderà la scelta dei film. Ho deciso infatti di includere anche pellicole non tipicamente natalizie, ma semplicemente adatte al clima delle feste.

Buon Natale e buon viaggio a tutti noi.

.

locandina_2854Indovina chi viene a cena non è solo un film che forse tutti hanno visto e che tutti dovrebbero vedere almeno una volta, ma è anche e soprattutto un inno alla vita, alla tolleranza, alla gioia di essere giovani e alla consapevolezza di esserlo stati a nostra volta e di poterlo ancora essere attraverso le promesse e gli impegni dei nostri figli.

Non solo grazie ad un cast tra i più azzeccati che la storia del cinema ricordi, ma ancor di più per i temi senza tempo che tratta con delicata partecipazione, questo film praticamente immortale ha l’ardire di parlare di razzismo e per di più di farlo col sorriso sulle labbra.

La levità della pellicola, pregio che le ha consentito di poter godere di parecchie visioni senza tema di noia o stanchezza, la consegna di peso tra le pagine di questo calendario, perché mai come a Natale la comprensione, la commozione e la speranza di poter annullare le distanze che ci separano come esseri umani, si fanno largo nel nostro stanco cuore, fin troppo soffocato da problemi di ben più immediata e pratica rilevanza.

Poi ci sono quei due splendidi attori che sono stati Spencer Tracy e Katharine Hepburn, icone indimenticabili di un modo di fare cinema che non finiremo mai di rimpiangere, da soli capaci di rendere memorabile un film, anche solo discutendo di una coppa gelato. Tracy morì 12 giorni dopo aver completato il film e si dice che la Hepburn non sia mai riuscita a vederlo per intero a causa dello straziante ricordo per il compagno perduto, ma tutto questo e’ ormai leggenda.

Siamo nel 1967, epoca magica e piena zeppa di promesse da mantenere ed infrangere, quando esce Indovina chi viene a cena, eppure anche oggi, in barba ai menagramo Maya, risulta comunque difficile trovare un film più attuale e contemporaneamente così efficace, capace di raccontare la tolleranza e l’accettazione dell’altro attraverso l’amore riflesso negli occhi dei propri figli.

Indovina chi viene a cena resta e resterà un classico, non intoccabile e polveroso, anzi, sarà per sempre un film che appartiene all’umanità, perché di umanità fin troppo umana, fragile, forte, innamorata e smarrita, racconta.

.

Annunci