Meryl Streep è straordinaria.

Come al solito.

Titoli di coda.

Fine.

Che strano film questo The iron lady, pellicola sulla vita di Margaret Thatcher, senza indagarne davvero la storia e deciso a concentrarsi  invece sul grigio presente dell’ex primo ministro.

Sì perchè attraverso le quasi due ore della sua per nulla noiosa durata The iron lady, ci presenta una donna anziana, piegata dagli anni e dalla malattia, perennemente preda del passato e in balia del ricordo del defunto marito.

Questo singolare ritratto quindi ci presenta gli eventi passati come sporadici, frammentari, spesso monodimensionali. Quello rappresentato qui non è un vero biopic, una biografia cinematografica fatta di luci ed ombre, dettagliata e determinata ad indagare la controversa figura della Thatcher a partire dalla sua formazione, fino alla sua ascesa e successiva caduta, ma quello che interessa alla regista è il ritratto di una donna del presente che si abbandona al passato e ai suoi fiammeggianti e vividi flash back.

L’elezione, la recessione, le proteste, gli attentati e la guerra delle Falkland, sono solo brevi lampi di luce in una memoria ormai logora e deteriorata, che confonde tutto e tutti, mettendo lentamente a fuoco solo alcune cose. Ogni cosa si mescola e si frammenta quindi, rischiando di raccontare tutto e niente allo stesso tempo, appiattendo l’intera vita di una donna straordinaria, ad una serie di brevi anedotti indagati con spericolata velocità e fin troppa turistica fretta.

Dal punto di vista cinematografico e storico questo patto di stabilità risulta estremamente comodo, incapace com’è di scontentare alcuno. Nella superficiale rappresentazione delle questioni affrontate, non si approfondisce mai, annacquando ogni sfumatura nell’ambiguità di una terra di nessuno abitata esclusivamente dal ricordo. Il passato rappresentato da The iron lady è perennemente confuso da un presente consumato dal compiacimento e dal rimpianto, incapace di fatto a presentarsi a noi con la schietta e sincera voce della verità e dei fatti.

Meryl Streep è straordinaria.

Come al solito.

Titoli di coda.

Fine.

.

Annunci