Accompagnato da un poster italiano da far accapponare la pelle (che non è quello qui a fianco), da un sottotitolo da denuncia (…identità paranormali) e da un minaccioso proclama (dai produttori di The ring), ecco giungere in sala per una visita veloce nel nostro bel paese, Shelter, thriller di tutto rispetto, interpretato da un’appassionata  Julianne Moore e da un credibile Jonathan Rhys Meyers.

Inquietante e a tratti addirittura pauroso, Shelter, gioca bene le sue carte fin da subito, dando un calcio alla  noia ed un altro alla prevedibilità che da sempre accompagna questo genere di film. Niente miracoli sia ben chiaro, ma un impianto narrativo solido e ben corredato da una sottile inquietudine, che non abbandona mai lo spettatore, mantengono sempre elevata la qualità e la tensione di un prodotto che sarebbe sbrigativo liquidare senza una visione.

Giro sulle montane russe della mente, che però non si tira mai indietro dal proporre un’irrazionale fuga nei territori della magia e del soprannaturale, Shelter, ha il grande valore aggiunto di essere interpretato da un cast in grandissima forma e di portare un pò di legna nelle desolate fascine degli appassionati di horror.

Svelando le proprie ottime carte molto lentamente, la pellicola intriga e coinvolge, catturando lo spettatore in una spirale di mistero, inquietudine e mestiere. Non lesinando i cadaveri e regalando un paio di colpi di scena non del tutto telefonati, Shelter fa il suo mestiere fino in fondo, arrivando alla sua degna conclusione, senza scontentare davvero nessuno. Forse per merito di una finale di quelli amarognoli che piacciono a me, o forse per la dignitosa interpretazione di un cast azzeccato, chissà, la verità è che Shelter si lascia guardare, anzi scoprire, un pò alla volta, lentamente, ma caparbiamente determinato a trascinare lo spettatore con se, in un luogo oscuro e poco rassicurante.

Consigliatissimo infine a tutti quei fidanzatini, che al primo appuntamento, amano stringersi teneramente l’un l’altro, pronti a saltare all’unisono sulla poltrona del cinema, spaventati forse, ma più uniti.

VOTO
Se avete da 00 a 13 anni: Vietato, n.c.
Se avete da 13 a 20 anni: Molto Carino, 7
Se avete da 20 a 30 anni: Carino, 6,5
Se avete da 30 a 40 anni: Interessante, 6,5
Se avete da 40 anni in su: Interessante, 6,5

Annunci