L’idea è quella di regalarvi (!?) un calendario dell’avvento cinematografico. Ogni giorno dal primo di Dicembre, fino al giorno di Natale, pubblicherò a mezzanotte ed un minuto, la recensione di un film natalizio.

L’idea è quella di accompagnarvi passo passo, scoprendo ogni giorno insieme a voi un film diverso, verso il lungo cammino che ci porterà al Natale prossimo venturo.

Per cominciare Marley era morto.

Un cadavere in una bara, due monete sugli occhi, un fazzoletto a serrarne la mandibola. Poi entra in scena Scrooge, mai così vecchio, sgradevole, antipatico, tagliente. La neve comincia a scendere. E’ la vigilia di Natale e la storia decolla verso cime altissime di inimmaginabile purezza.

Difficile trovare un inizio più cupo per un film dedicato ai bambini, impossibile vederlo sviluppato con tanta inquietante ferocia e con tanto attonito terrore. Zemeckis decide di attenersi alla storia di Dickens senza sconti e senza tagli, affrescando innanzi tutto una grandiosa e a tratti macabra storia di fantasmi. Impossibile uscire dalla sala senza riflettere su concetti come la carità, l’ignoranza e la miseria, inutile tentare di resistere indifferenti al richiamo delle nostre coscienze, risvegliate dal messaggio del film.

Jim Carrey torna a livelli altissimi, regalandoci una performance multipla e convincente, mattatore assoluto e libero di essere e fare, padrone di un film che praticamente gli appartiene. Per una volta il 3d è assolutamente giustificato e la neve sembra davvero cadere lentamente dal cielo, regalandoci un’immedesimazione ed un coinvolgimento quasi totali.

Per una volta la storia di Scrooge è talmente ben realizzata, da farci sentire il peso delle catene di Marley, il calore del fuoco di casa Cratchit e il desolato gelo nel cuore di Ebenezer. Nessun ammiccamento, niente battutine fuori luogo, ma solo un travolgente e contagioso spirito natalizio.

La neve regna sovrana quasi ovunque, il gelo avvolge le membra e tra qualche giorno è  Natale.

Va bene così. Un sorriso si allarga sul viso intirizzito.

Che Dio ci benedica. Ognuno di noi.

Trailer di A Christmas Carol

God bless everyone, tratta dalla soundtrack del film eseguita da Andrea Bocelli


Annunci