Il sequel fuori tempo massimo di Wall Street (1987) fa venire in mente quel meraviglioso dialogo all’inizio de I protagonisti (del compianto Robert Altman), in cui un appassionato sceneggiatore spiega ad uno scettico, ma interessato produttore, la trama che starà alla base de Il laureato 2.

Con lo stesso spirito fatto di dubbi e molta cautela, lo spettatore odierno si avvicina a questo capitolo secondo, da un lato ben conscio della reputazione di Oliver Stone (buttata ultimamente alle ortiche, grazie ai suoi ultimi lavori) e dall’altro delle discrete potenzialità del soggetto in questione (un film che parla di economia globale, in pieno tempo di crisi). 

Purtroppo Stone non coglie la palla al balzo e pur avendo tra le mani materiale potenzialmente esplosivo, confeziona un film didascalico (la ridicola corsa in moto), buonista (il finale irritante) e a tratti molto noioso. Giocate le carte migliori nei primi minuti di film (Langella resta un signor attore), fino alla lezione universitaria tenuta da Gekko, il film perde progressivamente ed inesorabilmente mordente, arenandosi nelle sabbie mobili del prevedibile e del già visto.

Considerazioni spicciole sulla crisi economica, sulle speculazioni e sull’etica, si alternano ad un girotondo gratuito di macchiette, tra cui spiace dirlo, si riconoscono un’imbarazzante Susan Sarandon, un inutile Eli Wallach, un Josh Brolin tagliato con l’accetta ed uno Shia LaBeouf che ricorda ancora troppo Transformers per essere credibile. Michael Douglas è fortunatamente ancora in gran forma e porta pesantemente e lentamente il film tutto sulle sue spalle, cercando di dare un senso ed una direzione al pantagruelico delirio di onnipotenza del suo regista.

Purtroppo però è troppo tardi, ormai la frittata è fatta, se il denaro non dorme mai, non si può dire altrettanto dello spettatore, inesorabilmente ammalatosi di narcolessia al trentesimo minuto di questo filmetto da dimenticare.

VOTO
Se avete da 00 a 13 anni: Noiosissimo, 1
Se avete da 13 a 20 anni: Una palla papà, 3
Se avete da 20 a 30 anni: Una palla amore, 4
Se avete da 30 a 40 anni: Peccato, 5
Se avete da 40 anni in su: Un gran peccato, 5 1/2

Annunci