Non potevo esimermi di inserire in questa mia rubrica, una delle colonne sonore più memorabili di sempre, ad opera del maestro Riz Ortolani.

Quanti conoscono e hanno già visto Cannibal Holocaust, capolavoro di Ruggero Deodato, sapranno a cosa mi riferisco, ma lo score composto da Ortolani per questo film (tra i più disturbanti di sempre e saper ben guardare un attualissimo capolavoro) è quanto di più sorprendente vi capiterà mai di ascoltare.

Se da un lato la pellicola propone tortura e morte, dall’altro la soundtrack che fa da contrappunto a tutto ciò è quanto di più dolce si possa mai immaginare. Ovviamente questo meccanismo crea una distonia emotiva indimenticabile, talmente geniale da farsi ricordare anche a visione terminata.

Da ascoltare, per capire cosa succedeva in Italia, nel nostro cinema fino a non molto tempo fa (1979).

Buon ascolto:

Annunci