Se vi prenderete la briga di consultare un pò di riviste e siti specializzati, vi accorgerete che questo filmozzo di zombie viene trattato con un certo livore. Le ragioni mi sono ignote, vero è che La Horde, film francese del 2009 finalmente in uscita anche in Italia il 10 Settembre prossimo, non ha nulla da invidiare a prodotti ben più blasonati.

Ovviamente la trama è solo un pretesto (e va bene così!) per mettere in scena l’ennesimo spargimento di sangue a base di morti viventi affamati e sopravvissuti incazzati. Sullo sfondo della banlieue parigina, l’orrore esplode senza nessuna ragione in particolare e dopo una mezzoretta scarsa di film, buona per introdurre i personaggi e per spostare l’attenzione dello spettatore altrove, esplodono la follia e il sangue.

Da appassionato di horror, ho sempre trovato piuttosto stupidi i film dedicati ai morti viventi. Fermo restando che Zombie di Romero è uno dei miei film preferiti, ho sempre trovato piuttosto idiota il modo in cui i vivi (cioè il cibo) reagivano alla carica dei non morti. Il vero valore aggiunto de La horde, anzi passatemi il termine, la vera figata di un film come questo, sta nella reazione sanguigna, schizzata, videoludica ed eccessiva dello sparuto gruppo dei sopravvissuti. Gli zombi quindi vengono presi a calci e pugni, gli si inveisce contro e gli si  scaricano addosso arsenali interi, così come farebbe l’uomo della strada. Questo atteggiamento “realista” giova moltissimo al film, che ingranata la marcia, non si ferma più, fino alla splendida ed amarissima conclusione.

E nel mezzo? In mezzo c’è tutto il divertimento che un film del genere può regalare ad uno spettatore appassionato, che tra scene inutili ma epiche di sacrificio, battute memorabili, cazzotti e secchiate di sangue, troverà finalmente pane per i propri denti (è proprio il caso di dirlo).

Personalmente molto meglio del tanto osannato Rec del duo Plaza/Balaguero. Una boccata di ossigeno per un genere che ultimamente respirava davvero a fatica.

VOTO

Se avete da 00 a 13 anni: Vietatissimo, n.c.
Se avete da 13 a 20 anni: Fighissimo, 9
Se avete da 20 a 30 anni: Fighissimo, 9
Se avete da 30 a 40 anni: Farà felici gli appassionati, 7
Se avete da 40 anni in su: Solo per appassionati, 7

Annunci