Dunque io sono la recensione di Happy Family e parlo a nome di tutte le recensioni negative che Houssy ha collezionato in questi mesi. Sono profondamente delusa e scontenta della piega che sta prendendo questo blog, dopo aver parlato male di film come Avatar, (non so se mi spiego, diretto da James Cameron, candidato a parecchi oscar, cinefili di tutto il mondo che si sperticavano in lodi…), Codice genesi (due parole soltanto: Denzel Washington!), Alvin Superstar 2 (come si fa a prendersela con quei tenerissimi chipmonks?), ora vorrebbe affossare l’ultima opera di quel genio di Gabriele Salvatores.

Se posso dire qualcosa anch’io, considero Salvatores un grandissimo regista, uno dei pochi degni di stima nell’asfittico panorama del nostro cinema, insieme a Garrone, Virzì, Sorrentino,Tornatore e pochi altri. Semplicemente il suo ultimo film mi è sembrato ben poca cosa, un pretesto un po’ furbetto e nulla più. Quel finale alla maniera dei Soliti sospetti, tutto quel metacinema divertente ma un po’ fine a se stesso…

Diciamolo, sei bravo solo a demolire i film davvero validi e guarda che la pensiamo così in parecchi, la recensione di A-team, quella di Baciami ancora e non mi far continuare, che la lista è ancora lunga… Come hai fatto a non apprezzare l’idea che i personaggi si rivolgessero allo sceneggiatore (un gigione e simpatico Fabio De Luigi) influenzando le sue scelte…

Ecco a proposito di questo… lo sceneggiatore (un irritante e simpatico a tutti i costi Fabio De Luigi) che dialoga con i personaggi, mi è sembrata una trovata interessante, ma furba, fin troppo semplice. Non solo, la smodata ambizione del soggetto (Pirandello con i 6 personaggi in cerca d’autore, non è solo un’ombra, ma un monolite che incombe) rimanda ai recenti fasti dell’intelligentissimo Adaptation (in Italiano tradotto Il ladro di orchidee) in cui anche lì si parlava di uno sceneggiatore in crisi. In quel caso però l’idea era davvero geniale e i topoi narrativi affrontati erano pedissequamente seguiti per dimostrare la stupidità preconfezionata di certo cinema mainstream.

E per Happy family non potrebbe valere lo stesso discorso, signor so tutto?

No, almeno credo, perché se l’intenzione dell’autore era quella di seguire le linee guida di una commedia classica, giocando con lo spettatore ed il cinema popolare, avrebbe dovuto manifestarlo più chiaramente. Così facendo purtroppo si resta vittime dell’indecisione del film, a metà strada tra il divertimento e l’autorialità, uno scherzo cinematografico (la citazione di Marrakech Express ne è una dimostrazione), che propone ancora una volta (provocatoriamente?) ciò che la convenzione richiede (un finale, uno sviluppo lineare delle storie raccontate…) negando invece quell’anticonformismo che ci si aspetterebbe.

Ok, ma non puoi negare che il film sia molto ben girato, molte sequenze sono divertenti ed ottimamente scritte. Salvatores è un grande e lo devi riconoscere.

Non ho nulla contro Salvatores e come ho già detto lo ammiro tantissimo, ha sempre saputo rinnovarsi e ricercare nuovi stile e nuove cose da dire. Non ho nulla nemmeno contro Avatar o Codice Genesi, semplicemente li trovo un mal riuscito collage di troppi film. Allo stesso modo Happy Family è un buon esercizio di stile a mio avviso non pienamente riuscito… Quella che è certa però è la capacità di Gabriele Salvatores di raccontare storie, incantare con i suoi bellissimi personaggi, ammaliare con i suoi dialoghi. Forse ci si potrebbe accontentare (siamo comunque oltre la media del nostro cinema), ma se così non fosse, questo sarebbe soltanto l’ennesimo film italiano sull’amore, la felicità e la famiglia, certo con un pizzico di metacinema in più, ma sarebbe comunque troppo poco.

Quindi vuoi avere ragione tu e basta… tu sei l’autore del blog e quindi noi zitti, dobbiamo accettare di farci demolire i nostri beniamini…

Non necessariamente parliamone… questa è solo la mia opinione, non è una verità rivelata…

Sempre a cercare il dialogo… questa trovata poi di impostare queste poche righe come un dialogo metaletterario tra una recensione e il suo creatore è ridicola. TI ODIO!

Avatar resta comunque un brutto film, lo sai vero?

VOTO

Se avete da 00 a 13 anni: Caruccio, 6
Se avete da 13 a 20 anni: Figo, 7
Se avete da 20 a 30 anni: Non male, 7
Se avete da 30 a 40 anni: Non ha nulla da dire, 5
Se avete da 40 anni in su: Mero esercizio di stile, 5

Annunci