Archivi tag: horror

THE PURGE

the-purge-posterSe dovessi credere a tutto quello che sento e leggo in rete, probabilmente il mio destino di spettatore sarebbe segnato da due enormi macro categorie: i capolavori e l’immondizia. Da sempre cerco di farmi un’opinione personale e soprattutto sono assolutamente convinto che le sfumature aiutino a vivere il cinema in maniera più equa, dignitosa e giusta. Non è affatto così banale come è stato dipinto The Purge, disprezzato e dileggiato quasi all’unanimità, anzi, sotto la cenere a grana grossa del genere, a saper ben guardare giace ben altro. Non lasciamoci ingannare dallo spunto intrigante (una società che per far fronte alla crisi economica e alla violenza dilaganti, decide di sospendere la legge per 12 ore l’anno, ore in cui ogni cosa è permessa compreso l’omicidio), il film va ben oltre questa semplice idea e quella che potrebbe sembrare una banale pellicola di assedio domestico, si trasforma presto in una cinica riflessione su di un futuro più che possibile, diretta conseguenza di un modo di pensare spesso fin troppo condiviso. Il modo in cui viene intesa questa sospensione della legge e dell’ordine, ha risvolti socialmente agghiaccianti: i ricchi si tutelano con sistemi d’allarme sofisticati e costosissimi, mentre ai poveri, ai reietti e ai relitti della società, non resta che scappare, nascondersi e pregare. The Purge propone una soluzione semplice e paradossale, una resurrezione economica eliminando i “pesi morti” della società, cioè quegli sprechi rappresentati da chi non produce ricchezza, ma al contrario la fa spendere alla società che li sostiene. Ecco quindi che il film, in modo sottile, quasi strisciante, infilando qua e là una mezza frase allarmante, una telefonata alla radio o uno stralcio di talk show televisivo, va a delineare i limiti di un modo di vivere che ha trovato la soluzione sbagliata, arrivando a sacrificare la parte più importante di una società civile, l’umanità che la sottende. Ambientato sapientemente in un futuro praticamente identico al nostro, un domani in cui il secondo emendamento non solo è condiviso, ma addirittura estremizzato, The Purge colpisce al cuore, sollevando parecchie domande e facendo esattamente quello che il genere al suo meglio deve fare: intrattenere facendo pensare. Mimetizzandosi perfettamente dietro una trama assai convenzionale, questa camaleontica pellicola colpisce forte e duro, dapprima limitandosi a preparare il campo di battaglia, per poi dedicarsi a far deflagrare una ad una tutte le convenzioni sociali, portandole alle loro estreme conseguenze. Non c’è luce in fondo al tunnel di The Purge, l’epifania e la catarsi si pagano salatissime, al mondo non resta che raccontare il nulla, mentre alcuni folli si preparano ad organizzare inutuli, ipocrite e patetiche veglie di preghiera, probabilmente in memoria di un’umanità, ormai definitivamente smarritasi.

4 commenti

Archiviato in Drama, Fatascienza, Horror

V/H/S/2

vhsAlzi la mano con me chi si è stancato del dannato POV e dello stramaledetto Found Footage. Per i più distratti, cioè per tutti coloro che hanno vissuto la loro vita su Marte negli ultimi 10 anni, il POV (acronimo di Point Of View: punto di vista) è quel discutibile stratagemma cinematografico, che a braccetto con il Found Footage (materiale video miracolosamente ritrovato) consente ad ogni demente con una videocamera e uno straccio di idea di fare un film. Grazie ad un certo Oren Peli (che possa bruciare all’inferno) questo tipo di traballante poetica, negli ultimi anni ha proliferato soprattutto in campo horror, generando robaccia davvero inguardabile, a metà strada tra l’imbarazzo e il mal di mare. Ora da queste poche righe avrete capito che il sottoscritto non è certo di parte, quando afferma senza timore di essere smentito, che V/H/S/2 è un film straordinario e cosa ancor più sorprendente, dannatamente pauroso. V/H/S/2 è un film collettivo ad episodi, uno di quelli che si facevano tanto tempo fa e che tutti noi, ad un certo punto della nostra vita, abbiamo amato e di cui serbiamo gelosamente il ricordo nel cuore. Aggiornato ai nostri tempi ecco che la cifra stilistica di V/H/S/2 è proprio il POV, ogni episodio infatti è girato usando ed abusando di questo espediente narrativo, con un senso ed un significato però, visto che dopotutto è proprio il concetto di visione ad essere al centro dell’intera vicenda. Con tanta intelligenza, un pizzico di furbizia e una secchiata di follia, ogni segmento, compreso quello principale che fa da filo conduttore, affronta a suo modo i temi classici del cinema horror: fantasmi, zombie, sette sataniche e rapimenti alieni, topoi talmente abusati che risulta difficile immaginare che il film possa inventare qualcosa di nuovo. Invece, complice lo stile di regia, raramente così efficace, funzionale ed in sintonia con gli eventi narrati, V/H/S/2 parte lento, scaldando l’atmosfera con un episodio ectoplasmatico che lascia un po’ l’amaro in bocca, per alzare il tiro grazie ad un’invasione di morti viventi ripresa con telecamera GoPro e per concludersi con gli ultimi due spettacolari, disturbanti e spaventosi episodi (il terzo è da antologia) che vi faranno saltare sulla sedia se non addirittura provare un vero e proprio malessere diffuso, facendovene implorare la fine. V/H/S/2 quindi funziona perché non è solo pretesto e furbizia, ma riesce a fare a pezzi il sistema nervoso dello spettatore, bombardandolo di idee, follia e pura paranoia. Per una volta il POV funziona alla grande, come nel caso del camera-zombie e della dog-cam del finale, il Found Footage non disturba e tutto sembra essere costruito apposta per lasciar intendere che se le idee ci sono, il mezzo espressivo è giustificato, funzionale e insostituibile, Cinema di cuore e di testa quindi, che non mancherà di meravigliarvi, mentre vi spaventa a morte. Resta un mistero come mai una pellicola come questa non riesca a trovare un posto nelle sale di questo nostro paese, mentre preferiamo continuare a distribuire l’ennesimo capitolo di  Paranormal Activity, ma questa probabilmente è sempre e comunque un’altra storia.

Lascia un commento

Archiviato in Horror

MANIAC

maniacCi vogliono coraggio e una buona dose di incoscienza per avvicinarsi al disturbante Maniac, indimenticato cult firmato da William Lustig ed interpretato da un Joe Spinell in stato di grazia. Coraggio ed incoscienza dicevamo, soprattutto se si decide di far interpretare il maniaco del titolo a Frodo Baggins in persona, ossia Elijah Wood. Eppure il film funziona e bisogna ammettere che, cosa piuttosto rara per l’horror, trova una propria strada, affrancandosi dal classico di riferimento, cercando insomma di essere qualcosa di diverso e non solo una moderna fotocopia dai colori sgargianti, del lavoro di qualcun altro. La trama è piuttosto semplice, non che  notissima a tutti gli appassionati, Maniac infatti segue le gesta di un serial killer cacciatore di scalpi, determinato a dar vita, ovviamente nella sua fantasia malata, ai manichini che da sempre lo circondano e lo ossessionano. Quello che fece Lustig, in un periodo in cui nessuno lo aveva ancora fatto in maniera così malata, lercia e quasi documentaristica, fu dar vita ad una biografia di serial killer a metà strada tra il ripugnante ed il patetico, sviluppando così un’inconscia empatia tra lo spettatore e il pazzo protagonista. La buona notizia è che questa nuova versione mantiene invariata quell’empatia, se possibile addirittura rendendola più palpabile e distonica, il film infatti è girato in prima persona, sfruttando la visuale del killer, creando quindi ad un tempo, sia un espediente narrativo coinvolgente, che un sentiero per sperimentare qualcosa di nuovo, spesso di azzardato. Guardando lo svolgersi degli eventi attraverso gli occhi del killer, non solo ci troviamo a trepidare per lui, ma addirittura ci scopriamo a desiderare ciò che lui desidera, abbattendo di fatto e in maniera non banale, l’invisibile barriera tra cinema e spettatore. Più di una volta lo spettatore-killer si troverà a condividere e convivere suo malgrado con la sgradevole sensazione di sentirsi sporco fin nel profondo dell’anima, lordo di sangue ed ebbro di follia. Maniac non ha probabilmente la forza dirompente del suo antesignano, ma pur soffrendo di quella patinata compostezza tipica degli horror dell’ultimo periodo, non ha perso un grammo di quella carica eversiva che conquistava nell’originale, su tutto il finale, che mantiene inalterata la sua putrida, repellente e malatissima soluzione, che ancora oggi ne rende quasi insopportabile e sicuramente indimenticabile, la visione.

Lascia un commento

Archiviato in Horror

JUAN DE LOS MUERTOS

juan-muertos-poster-bMettiamola così.

A Cuba un’epidemia di morti viventi, bollati dalle autolrità non come zombies ma come dissidenti, costringe lo squattrinato Juan e l’amico Lazaro ad arrangiarsi e sbarcare il lunario con un’impresa a conduzione dilettantesca dall’improbabile nome di Juan de los muertos, che si occupa di aiutare i possibili clienti ad uccidere i loro cari, defunti ed affamati.

Ammesso e non concesso che siate ancora qui a leggere queste righe e non siate corsi come pazzi a procurarvi disperatamente questo film, continuo. Continua a leggere

1 commento

Archiviato in Commedia, Horror

THE BAY

Il cinema è incredibile.

Tu spettatore ti accomodi in sala, convinto di vedere il solito film poco originale a base di found footage, telecamera claudicante e orrore spicciolo, quando ti accorgi improvvisamente e con tua grande meraviglia di non riuscire a staccare gli occhi dallo schermo, nemmeno per il tempo di un singolo battito di ciglia.

Le ragioni che rendono The Bay un piccolo gioiello e a suo modo il primo mattone che va ad inaugurare una nuova stagione del cinema, sono principalmente due e sono complementari l’una all’altra. La prima è la maestria con cui è diretto, non usando un unico punto di vista, ma generando un ibrido mix tra tutti i possibili mezzi espressivi multimediali; mentre la seconda, consequenziale alla prima, è la scoperta che in cabina di regia c’è nientemeno che Barry Levinson, in parte anche responsabile dell’idea che sta alla base della sceneggiatura. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Drama, Horror

HANSEL & GRETEL CACCIATORI DI STREGHE

hansel-and-gretel-witch-hunters-poster-speciale-imax-263966A volte non c’è niente di meglio di una bella cazzatona col botto!

Preso per buono che una volta spentesi le luci in sala assisteremo ad una serie di assurdità sparate a velocità supersonica, l’idea strampalata che Hansel e Gretel una volta uccisa la strega che se li voleva mangiare, abbiano deciso di fare di ciò una remunerata ed onorevole professione, ha quantomeno del sublime. Questo il semplice presupposto per una storia che senza tante sorprese, molto fracasso e tanto divertito divertimento, si crogiuola nella rivisitazione della fiaba e del mito, mai come questa volta così autoironico e scacciapensieri.

Se Jeremy Renner è un Hansel granitico, la sorpresa più grande arriva dalla burrosa e desiderabile Gretel interpretata da Gemma Arterton. Certo le streghe non mancano e il retrogusto steampunk che si respira per tutto il film, serve a concretizzare ed attualizzare un’atmosfera deliziosamente retrò, che conferisce al film una guascona cialtroneria capace di conquistare anche i più dubbiosi. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Action, Fantasy, Horror

LE STREGHE DI SALEM

The-Lords-of-Salem-Poster2Non penso sia possibile avvicinarsi a questo film impreparati, il rischio è quello di sottovalutarlo, o peggio di trovarlo terribilmente noioso.

Viaggio lisergico, denso di sensazioni, quasi materico, attraverso un’epoca, un modo di fare cinema (gli anni ’70) e un genere (l’horror) tra i più abusati e bistrattati di sempre, Le streghe di Salem ha non poche analogie con il brano musicale che come un dannato, indimenticabile, malato mantra, domina e riempie il film. Monotono eppure ipnotico, giustamente primordiale nella sua struttura, sudicio, insinuante ed infine splendidamente grezzo all’orecchio (ma sarebbe giusto dire all’occhio) di chi ha il tempo e la voglia di prestarvi davvero attenzione. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Horror

SINISTER

Consiglio per chi si appresterà a vedere questo film, ingolosito dalla mia entusiastica recensione: Preparate le mutande di ricambio, ne avrete bisogno.

Sinister, mai nome fu più adatto per un film horror di questo tipo, comincia benissimo, si sviluppa ipnotico e terrificante come il peggiore degli incubi e si conclude nel migliore dei modi, evitando quei finaletti stupidi che tanto sembrano piacere ultimamente ad Hollywood.

Diciamolo fin da subito forte e chiaro, il film spaventa e tanto, come da tempo non mi capitava di vedere. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Horror

LA MADRE

vert LA MADREForse ci voleva un horror per farmi uscire da un silenzio letargico ed insistito, che mi aveva allontanato ormai da settimane dalla tastiera.

La verità è che in questi lunghissimi giorni ho visto molti film che non esiterei a definire “carini”, nulla insomma che ne giustifichi anche solo due parole in un blog di cinema inutile come il mio. La domanda quindi resta una soltanto: perchè perdere tempo a scrivere se non si ha nulla di cui scrivere?

Da parte mia sono stanco di vedere pellicole mediocri, capaci di farsi dimenticare in un batter di ciglia, film ben fatti, ben interpretati per carità, ma allo stesso tempo anonimi, tutti pericolosamente uguali a qualcos’altro, tutti faticosamente distinguibili e tutti semplicemente “carini”, appunto. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Horror

GRABBERS

Grabbers-Poster-Richard-Coyle-Russell-Tovey-Ruth-BradleyNon sempre dobbiamo cercare la perfezione, spesso accontentandoci, siamo più vicini di un passo alla felicità.

Guardando Grabbers, piccolissimo film irlandese di mostri che sembra sbucato da un buco nel passato, con occhi giusti ma soprattutto comprensivi, si rischia seriamente di divertirsi.

Alla base di una vicenda oggettivamente piuttosto banale, che affonda le proprie radici nella tradizione più consolidata del monster movie, insieme a tanta scanzonata goliardia, c’è anche tanto cinema. Continua a leggere

1 commento

Archiviato in Commedia, Fatascienza, Horror

THE APPARITION

Chiamatemi Matusalemme, ma io i film horror di oggi proprio non li capisco.

Dove sono finiti il pathos, l’emozione, la tensione e la crescita?

In questo The Apparition per esempio, succede tutto talmente in fretta che non si ha il tempo di capire, di assaporare, di appassionarsi. Un prologo di trenta secondi ci cala negli anni ’70, poi uno stacco ci riporta al giorno d’oggi, un paio di studenti che corrono all’impazzata con un carrello di materiale elettronico per recarsi in uno scantinato e dar vita ad un azzardato ed oscuro esperimento. Per creare tensione, ma soprattutto partecipazione ci vuole molto di più, ci vogliono tempo e spazio. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Horror

THE POSSESSION

Se avessi un euro per ogni brutto film visto in carriera, sicuramente questa pellicola mi renderebbe un pochino più ricco.

Più che veramente brutto profondamente inutile, The Possession, brancola nel buio di una sceneggiatura che pesca a piene mani nei topoi di un genere che forse già a partire dal lontano 1973, grazie a L’esorcista, aveva detto tutto quello che c’era da dire sulle possessioni demoniache e sulle pseudo derivazioni che ne sarebbero seguite. In questo senso il filmaccio prodotto da Sam Raimi, si consegna inerme tra le braccia di quella tradizione già segnata, cercando inutilmente di attualizzarla grazie alla semplice sostituzione del maligno con uno spirito errante della tradizione ebraica. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Horror

EXCISION

Ci sono i film che siamo abituati a vedere, film belli, film brutti e poi c’è Excision.

Raramente una pellicola mi ha allo stesso tempo disgustato ed affascinato tanto, facendomi compiere di fatto un viaggio, quasi entomologico, sicuramente chirurgico, tra le pieghe della mente di un’adolescente.

Gli incubi della straordinaria, quasi ipnotica protagonista, Pauline, sono quelli di un’intera generazione che non si riconosce più, faticando perfino ad accettare per vera l’immagine che vede riflessa nello specchio, smarrita negli ideali e nei desideri, a metà strada tra i sogni solipsisti ed ipocriti dei genitori e la sciocca utopia suggerita da una società che vive e si alimenta di convenzioni. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Drama, Horror

PARANORMAN

Ci vuole tanto, tantissimo coraggio anche solo ad immaginare un film come Paranorman, epopea horror sulla diversità e la paura, tutta realizzata in stop motion. Ci vuole tanto, tantissimo coraggio e un pizzico d’incoscienza a realizzare quello che probabilmente risulta essere il primo vero e proprio horror dedicato ai bambini.

Non sto parlando degli elementi paurosi che da sempre hanno contraddistinto la favola, a partire dalle streghe malvage, alle matrigne omicide, passando per i genitori che abbandonano i figli e finendo con gli orchi mangia bambini, gli elementi raccapriccianti si sprecano, sia nella fiaba orale che in quella cinematografica. Non a caso recentemente un gioiellino dal titolo Coraline aveva parecchio da dire sul racconto di formazione e sulle atmosfere ai confini dell’horror che contribuivano a questa epifania. Sempre non a caso questo Paranorman è partorito dalla stessa fucina produttiva che sfornò proprio il citato Coraline e quindi era prevedibile attendersi le stesse macabre atmosfere di quel film. Eppure Paranorman fa un passo in avanti, spostando l’asticella del mostrabile un pochino più in alto. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Animazione, Family, Horror

PROMETHEUS: Il cinema ritrovato

Pensandoci bene non sorprende che una pellicola complessa, stratificata e diciamolo perfino ostica come Prometheus, non abbia incontrato il favore del grande pubblico, pubblico che nel 2012 per la maggior parte si accontenta ormai di vedere e non di pensare.

Abituati a farci spiegare tutto, come bambini in età prescolare, da parte di un cinema spesso inconsistente ed etereo, impossibilitato a lasciare zone grigie di magnifico ed inestricabile non detto, siamo ormai incapaci di porci domande, perché troppo spesso ci vengono fornite fin da subito tutte le risposte, anche quelle non necessarie, quelle non richieste. In questo senso il film di Ridley Scott, che finalmente si riappropria del suo cinema, ci impone uno sforzo in piu’ ponendoci di fronte ad una pellicola che per una volta pone domande e non ha risposte. Continua a leggere

8 commenti

Archiviato in Fatascienza, Horror

THE TALL MAN: Notevole, intelligente, inquietante

Chi si aspetta un altro Martyrs  rimarrà di certo deluso, ma francamente era impossibile replicare la lancinante, dolorosa ed oltraggiosa bellezza di quel meraviglioso film che ha creato un punto di non ritorno nella mondo del cinema horror.

Sapientemente Pascal Laugier ha cambiato completamente direzione, The Tall Man e’ un film totalmente diverso e, cosa piu importante, non fa proprio nulla per assomigliare al capolavoro sopra citato.

In una minuscola e depressa cittadina afflitta dalla crisi economica i bambini cominciano a sparire, uno dopo l’altro, gli abitanti del luogo iniziano a dare un nome al colpevole, il misterioso Tall Man del titolo originale. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Drama, Horror

LA LEGGENDA DEL CACCIATORE DI VAMPIRI: Beggars can’t be choosers

Chi lo avrebbe mai detto che il buon Lincoln fosse un agguerrito cacciatore di vampiri. Finalmente questo film restituisce giustizia e statura alla personalità di un presidente che non fu solo questo, ma che più di ogni altra cosa riuscì a comprendere ed interpretare la grave minaccia che si celava dietro ad un esercito di succhia sangue.

Scherzi a parte, questa premessa serve a far comprendere oltre ogni ragionevole dubbio allo spettatore che vorrà recarsi in sala ad assistere a questo film che una volta là si troverà di fronte ad una pellicola che racconta l’estenuante lotta tra una pletora di vampiri sanguinari ed appunto il presidente Abraham Lincoln. Continua a leggere

1 commento

Archiviato in Action, Horror

LA COSA: L’impossibilità di essere se stessi

Ecco uno di quei film che non si sarebbe dovuto fare.

Tutti conosciamo il super capolavoro di Carpenter e non è  mia intenzione sostenere l’inviolabilità dei classici, tesi francamente discutibile e anacronistica, visto che lo stesso film di Carpenter è il remake di una pellicola di Howard Hawks, però devo dire in questo caso l’obiezione e lo sdegno nascono dalla messa in scena e dai pochissimi spunti di sceneggiatura.

Il vero problema della versione rivista e corretta, non è infatti la distanza dal modello di partenza, ma la sua troppa fedeltà ad esso, che purtroppo alla lunga finisce per ingabbiarlo in scelte narrative tanto discutibili quanto obbligate. Peccato, perché qua e là le idee ci sono e si fanno notare, prima tra tutte quella che ad un certo punto riguarderà le otturazioni dentali.

A questo punto non so che cosa fare e mi trovo ad un bivio, non so infatti se svelarvi un pizzico di trama e rendervi quindi la visione interessante o evitare qualsiasi tipo di spoiler, per non ferire i sentimenti di nessuno. Facciamo così, chi ha paura di sapere troppo, salti direttamente alla fine. Per evitare confusione da ora in poi userò il corsivo. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Fatascienza, Horror

THE CABIN IN THE WOODS: Ridefinire il genere

Ecco una e vera e propria sorpresa.

Il cinema e’ fatto cosi, quando pensi di aver già visto tutto arriva un nuovo film a farti dubitare di ogni cosa che pensavi di sapere, perfino della tua stessa sanità mentale.

Fortunatamente The Cabin in the woods e’ quel tipo di pellicola, un oggetto di cinema e meta-cinema alieno e potente, capace di scardinare il vecchio e dare finalmente respiro al genere.

Lontano anni luce per poetica ed intelligenza da giochini para- cinematografici tipo Scream, il film scritto da Joss Vhedon e Drew Goddard non e’ un vuoto giocattolo senza vita, buono per titillare gli esigenti palati dei cinefili incalliti, ma si può fruire ed apprezzare a piu’ livelli. Da un lato e’ un divertente film horror che a ben guardare risulta molto meno scontato di altri prodotti simili, dall’altro lato invece e’ una seria e contemporaneamente divertentissima riflessione sul genere e sul cinema in toto. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Horror

A LONELY PLACE TO DIE: Genere, spazio e respiro

Buon film di genere e sangue questo britannico prodotto diviso quasi equamente in due anime distinte e purtroppo non altrettanto efficaci.

Tra le montagne della Scozia un gruppo di amici si appresta ad un’escursione. Durante una sosta si imbattono in una fossa nel terreno in cui è sepolta una bambina in fin di vita. Il gruppo la salva e la porta con se. Sarà l’inizio di un incubo.

A lonely place to die parte a razzo incollando lo spettatore alla poltrona e regalandogli ciò che il cinema non dovrebbe mai dimenticarsi di dare al suo pubblico, lo spazio. Proprio lo spazio aperto selvaggio ed incontaminato dona respiro e corpo ad un film che non racconta nulla di nuovo, ma che  almeno nella prima parte gioca sapientemente le proprie carte, lentamente ma anche repentinamente intento a sorprenderci. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Action, Drama, Horror