Archivi tag: film

HAPPY FEET 2: Tanta emozione e qualche caduta di stile

Sgombriamo subito il campo dai dubbi, ci troviamo di fronte ad un film veramente bello, anzi in alcuni momenti musicali sfiora il sublime.

Sembra impossibile guardando al primo fiacco capitolo, che mi aveva francamente poco impressionato nell’ormai lontano 2006, ma questo secondo film vive e respira grazie ad alcuni momenti davvero altissimi, primo tra tutti il finale. Riadattando alle proprie esigenze hit musicali famose e famosissime, procede dritto verso il cuore di ognuno di noi, imponendosi piacevolmente nella memoria anche dopo la visione. Alcune immagini, come lo sbarco degli umani o la danza di solidarietà sulle note di Under Pressure, restano per sempre nel cuore, capaci perfino di regalare qualche lacrima. Continua a leggere

1 commento

Archiviato in Animazione

INSIDIOUS: La dignità della Paura al Cinema

Non so voi, personalmente le pellicole che mi spaventano di più, sono quelle con fantasmi e case infestate.

Chi scrive è un appassinato di horror, quindi può affermare con serenità che gli zombie non gli hanno mai provocato il minimo brivido, la stessa cosa dicasi per vampiri, mummie, diavoli e serial killer, ma davanti ad una casa infestata e a qualche ectoplasma della vecchia scuola, vedrete il terrore dipinto negli occhi del vostro affezionatissimo. Non parlo ovviamente delle scorciatoie modaiole, tipo Paranormal activity (citato anche nel lancio di questo film) tanto per intenderci, ma di quelle pellicole in cui lentamente ed inesorabilmente l’inquietudine cresce, fino a darci la sensazione di non essere soli e che se solo lo volessimo per davvero, allora potremmo vedere cose inimmaginabili e terrificanti. Continua a leggere

13 commenti

Archiviato in Horror

FINAL DESTINATION 5: Occhio allo strepitoso finale

So già cosa state per dire.

Ormai la serie di Final destination ha frantumato le aspettative (per non dire altro…) di chiunque. Allora perchè continuare a produrne capitoli e soprattutto, perchè continuare a guardarli?

Forse come malato di horror non ne posso fare a meno o più probabilmente, l’idea che sia la morte stessa ad esigere quanto gli spetta, è talmente azzeccata da farmi desiderare che questa saga non finisca mai. Non lo so e probabilmente non è nemmeno importante, quello che conta è che dopo un terzo e quarto capitolo piuttosto imbarazzanti, mi piace notare che questo numero cinque ha un paio di idee, (giusto un paio, ma in un horror a volte ne basta una sola) da far dimenticare e perdonare tutto quello che invece non funziona per niente. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Horror

SUPER 8: La mia infanzia… il mio cinema

Comincio con una confessione. Se in un film ci sono i bambini o il Natale, io piango. E’ scientifico, matematico, le mie lacrime sgorgano spontaneamente senza che io possa controllarle o ributtale indietro, la voce mi si spezza e il naso cola, mentre mi riduco ad una poco piacevole larva d’uomo scossa dai singhiozzi. Super 8 è il tipico film che spalanca i miei dotti lacrimali e nel finale, mi fa desiderare di essere lì, oltre lo schermo, in compagnia dei suoi piccoli protagonisti, per sognare e crescere insieme a loro.

Data tanta e tale premessa. mi sbilancio e lo dico fin da subito, Super 8, nuovo film diretto da J.J. Abrams e prodotto da Steven Spielberg è splendido, anzi un vero capolavoro che resterà incastonato nel tempo e nella memoria del cinema che verrà. Scalda il cuore assistere ad una pellicola così simile alle opere passate dello Spielberg che fu, penso ovviamente a E.T. e Incontri Ravvicinati, interamente dominata e  abitata da ragazzi, che attraverso uno spirito di corpo e di gruppo ormai appannaggio di un’epoca lontana, lottano e si fanno largo nella vita, sognando il cinema e abbracciando l’amore e l’ignoto. Continua a leggere

9 commenti

Archiviato in Capolavoro, Fatascienza

LANTERNA VERDE: La solita cena a base di… George

Una volta mi è capitato di leggere una striscia a fumetti che mi ha particolarmente divertito. In una cucina, seduto a tavola, il protagonista che chiede alla sua compagna: Che si mangia questa sera? Lei distrattamente risponde: George… A quel punto lui commenta: Ha servito quegli avanzi di tonno talmente tante volte, che abbiamo cominciato a dargli un nome.

C’è stato un periodo della mia vita in cui un film come Lanterna verde, mi avrebbe appassionato, forse sarei addirittura corso al cinema per vederlo. Ma il tempo passa e il periodo storico che ho in mente, mi vedeva vestito con le braghette corte e la maglietta di Mazinga. La verità è che Lanterna verde non è un film disprezzabile, ma è assolutamente identico ad altri 100 film sui super eroi, visti di recente sul grande e piccolo schermo. Continua a leggere

1 commento

Archiviato in Fantasy

VANISHING ON 7th STREET: Scomparendo tra le ombre del brutto cinema

L’incipit è perfetto.

Un affollato centro commeciale, una multisala piena zeppa di gente che ride a crepapelle gustandosi una commedia. Il proiezionista esce a prendersi una bibita, flirta con la commessa, rientra in sala ed improvvisamente salta la luce. Buio ovunque, le risate si fermano all’improvviso, la sala è deserta, tutti, ma proprio tutti, sono scomparsi.

Ma cosa sta capitando al cinema americano? Sembra che l’horror e la fantascienza negli ultimi tempi siano ossessionati dall’apocalisse, dalla fine del mondo e dall’estinzione dell’umanità. Cambiando maniera e presupposti, tra epidemie, eventi inspiegabili, invasioni aliene e cataclismi geologici di rilevanza a volte planetaria, sembra che la speranza abbia abbandonato i cuori di coloro che scrivono di cinema. Un giorno forse questa tendenza dovrà essere approfondita, radicata com’è nelle profondità di un genere che dopo l’11 Settembre non è più stato lo stesso, nel bene e nel male. Continua a leggere

1 commento

Archiviato in Fantasy, Horror

POTTEROLOGY: La Pietra Filosofale

L’idea è quella di recensire tutti i film della saga, in occasione dell’uscita dell’ultimo capitolo. Dal primo film datato 2001 fino alla seconda parte del settimo, in uscita nel 2011, dieci anni di attese, promesse e qualche conferma, ma soprattutto dieci anni di crescita.

La pietra filosofale è il classico film che piace a tutti i ragazzi lentamente in procinto di diventare adulti e a tutti gli adulti desiderosi di tornare velocemente ragazzi. Ancora molto lontano dalle cupe atmosfere odierne e figlio di un cinema più solare, che ancora doveva fare i conti con le sue paure, post 11 Settembre, il primo capito di Harry Potter, mette in campo tutti gli elementi classici della crescita e dell’affermazione di se.

C’è il destino, pronto a designare il proprio campione, un nemico mortale e pericolosissimo, l’amicizia e l’appartenenza ad un gruppo come affermazione del proprio io e dei propri valori, c’è la scuola, una famiglia impossibilitata a capire e condividere empaticamente la sorte del prescelto e soprattutto c’è l’attesa, che lascia lo spettatore in sospeso, ostaggio di un continuo senso di divenire. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in Fantasy, Potterology