Archivi tag: Dramma

LA GRANDE BELLEZZA

La-Grande-Bellezza-PosterE’ quasi uno sforzo titanico alzarsi dalla poltrona dopo aver assistito a La grande bellezza. Difficilissimo staccarsi da quelle ipnotiche immagini di una Roma raramente così affascinante, eppur così distante. Si rimane quindi inchiodati al proprio posto domandandone ancora e ancora, fino a che il nostro cuore già colmo di meraviglia non arriverà a traboccare letteralmente d’amore per quel sopraffino trucco chiamato Cinema. Film molto sottovalutato, a tratti quasi disprezzato, diviso equamente tra cinismo, sogno ed umorismo, accomunati e legati da un profondo trasporto, da un vero e proprio amore per l’amore in se, che attraversa tutta la visione, fino ad arrivare alle Radici di ciò che fa di noi quello che siamo. Gep Gambardella, l’uomo che probabilmente tutti vorremmo essere, attraversa il film e la nostra vita con una levità, un disincanto e al tempo stesso con una potenza espressiva che ci lasciano attoniti, disarmati, muti. Attimi di Grande Bellezza che sottendono la visione e le nostre esistenze, confuse e smarrite, in un costante accumulo di cose, parole e persone, per restituirci una dignità della visione che credevamo smarrita. La chiave è davanti ai nostri occhi, la Bellezza è intorno a noi, a volte è un trucco, a volte è solo sognata, eppure, scavando nei nostri ricordi, o negli anfratti di un essere altro, possiamo afferrarla, anche solo per un istante, sentendoci di nuovo vivi. Lo sguardo di Gep è quello del Cinema, che riesce a cogliere lo splendore che lo circonda, lo fa proprio, ma troppo spesso non riesce a restituircelo, a raccontarcelo. Allora per poterlo finalmente spiegare e raccontare, deve andare alla Radice, al cuore di una storia, all’attimo che ne genera altri ed inevitabilmente all’origine di tutte le storie, di tutte le nostre storie, di tutte le nostre vite, c’è per forza l’amore. Senza cogliere ed accogliere l’amore è impossibile vedere, capire e raccontare la Grande Bellezza che ci circonda, perché solo il sentimento ed il ricordo riescono a dare forma e sostanza alla materia che ci circonda. Poco importa se spesso si tratta di un trucco, di un gioco di prestigio, che ci fa credere di aver visto qualcosa, che in realtà forse non è mai stato lì, sarà stata comunque una magnifica illusione. Il Cinema quindi cattura il sogno, il trucco, il gioco, l’illusione e grazie all’amore li rende veri, vivi e commoventi, anche solo per un istante, anche e solo per noi che abbiamo ancora la pazienza di vedere. La Grande Bellezza è il Cinema e forse i veri poeti siamo noi, spettatori ancora capaci di sognare ad occhi aperti di fronte ad un trucco ben riuscito, di fronte ad una singola immagine, nonostante tutto ancora capaci di restare nudi e disarmati al cospetto dell’amore, che domina incontrastato su tutto e tutti. Fin dal principio, fin dai titoli di testa, delle storie di ognuno di noi.

2 commenti

Archiviato in Commedia, Drama

BLOOD

bloodNon fatevi sviare dall’uscita estiva, alla chetichella e poco curata da una vera campagna pubblicitaria, non lasciatevi ingannare dai poster, con quell’annotazione buttata lì, puro specchietto per le allodole, che fa riecheggiare nella memoria il titolo di Mystic River, Blood è un solidissimo e splendido dramma, costruito sulla certezza del sangue e scolpito sui volti dei suoi protagonisti. Come spesso accade, anche nella vita, nella nostra vita, quella di tutti i giorni, è la famiglia ad essere il fulcro di ogni cosa. La famiglia, quella vera, quella che ragiona seguendo la regola del sangue e del cuore e si fa beffe della ragione e della logica, la famiglia come massima colpa, eredità, punizione e speranza, la famiglia che rende liberi e che allo stesso tempo ci incatena a se. Colmo di una bella eleganza formale che non guasta mai, costruito con pudicizia attorno alle vite dei suoi protagonisti, di cui riusciamo ad intravedere intensi squarci di realtà, accompagnati da picchi di empatica pietà, Blood è un film che decanta lento come il buon vino, facendosi strada nella memoria con la bellezza delle sue immagini e la cristallina semplicità delle sue ellissi. Film che non gioca sul sensazionalismo e che sceglie di accantonare la facile matrice del thriller, in favore di un’etica del raccontare e di una voglia tutta britannica di mostrare altro, lasciando da parte le scorciatoie, per concentrarsi su ciò che lentamente, invisibilmente, completamente, logora ognuno di noi… la colpa. Ecco dunque che Blood si sposta e muta, non raccontando solo la famiglia, come terrificante alveo di colpe e promesse, ma decidendo di approfondire la colpa, la coscienza e le implicazioni che ci rendono uomini. Padri, fratelli, figli, nessuno è veramente immune dal letale abbraccio della famiglia, monarchia assoluta ammantata di un barlume di ipocrita democrazia, piccolo regno di egoismo e protagonismo, dalle cui leggi è quasi impossibile fuggire una volta per sempre. E’ il sangue a tenerci uniti, anzi incollati, invischiati e schiavi, mentre la colpa ci divora e consuma i nostri sensi, annullandoci come esseri individuali e riconducendo ogni nostra scelta ad un giudizio più grande, più alto, più complesso… perché un uomo non è solamente un uomo, ma è la sua intera famiglia, pronto a reggerne il peso e la responsabilità, mentre la colpa, il rimorso ed il sangue si depositano sulla sua tomba e sulla sua ormai dannata anima mortale.

Lascia un commento

Archiviato in Drama, Thriller

STOKER

stokerSe avessi 1 Euro per ogni critica o commento velenosi a proposito dello splendido Stoker, a quest’ora probabilmente aggiornerei questo blog dalla mia villa alle Hawaii. Il fatto è che fin dal momento della sua fuggevole uscita nei cinema italiani, il nuovo film di Park Chan-Wook è stato maltrattato da quasi tutti. Molti si sono scagliati contro l’estrema estetica della regia, imputata di essere quasi un esercizio di stile confinante con il feticismo, altri invece si sono limitati a dileggiare le scelte di casting, prendendosela particolarmente a cuore per la presunta inadeguatezza della parte maschile, interpretata da funzionale glacialità da Matthew Goode. Fatto sta che facendo appello al San Tommaso che è in me, ho deciso di fare come Rhett Butler e di infischiarmene di tutte quelle cassandre che promettevano sventure a tutti i malcapitati che si fossero imbattuti in Stoker. Sorpresa, Stoker è straordinario. Mentre il film cresce (è proprio il caso di dirlo) e si avviluppa alle nostre anime, è impossibile restare indifferenti alla regia suadente e sensuale del maestro che ha regalato al mondo del cinema la trilogia della vendetta. Se gli interpreti funzionano, ognuno a suo modo, interpretando caratteri diversi, affini, complementari, agghiaccianti, attraenti ed indimenticabili, è la sceneggiatura a regalare intelligentemente respiro e spazio alla magniloquente idea di regia di Park Chan Wok. Stoker racconta così lentamente ed inesorabilmente l’educazione sentimentale, sessuale e deviante di una ipnotica Mia Vasikowska, mentre il mondo che la circonda crolla, implode e si trasforma, cambiandola a sua volta da bozzolo a splendida e letale farfalla. La verità è che da un po’ di tempo a questa parte, stiamo assistendo ad una vera e propria campagna, in alcuni casi addirittura una guerra, nei confronti di alcuni autori: Tim Burton, Tarantino, Carpenter, Dante… sembra sia molto di moda sparare a zero su di loro, accusandoli di ripetere continuamente se stessi e di realizzare film decisamente minori. Al di là di ogni polemica sterile, ogni autore gira forse sempre lo stesso film e non esistono pellicole  minori ma ognuna serve a completarne la poetica, sembra che alla critica, soprattutto quella sul web, dia fastidio che il mondo intero si sia accorto dell’esistenza dei loro beniamini, decretandone il successo e la fama. Se quando uscì Le iene, Tarantino lo conoscevamo in 15, ora è un fenomeno planetario e così Django Unchained lo hanno visto praticamente tutti. Ho quindi la netta sensazione che finchè qualcosa ci appartiene, restando riservata a pochi eletti, allora  merita di essere difesa come una stramaledetta balenottera, ma appena il nostro vicino di casa, che ovviamente riteniamo intellettivamente inferiore a noi, si interessa allo stesso argomento, allora di istinto si comincia la danza del dileggio e dello scherno. Troppo facile amare qualcosa che tutti amano, meglio spostare l’oggetto delle nostre attenzioni verso nicchie di mercato sempre più criptiche ed inaccessibili, magari iniziando a storcere il naso in maniera decisamente snob, appena sentiamo pronunciare uno dei nomi citati prima. “Stoker ? Uno schifo, io che Park lo conoso dai tempi dello straordinario Old boy, quello sì che era un capolavoro… ma tu non puoi capire…”  Niente di più sbagliato, presuntuoso e superficiale, il Cinema è Cultura e la Cultura appartiene a Tutti, a me che scrivo queste righe e a te che le leggi, è questa la cosa che lo rende grande ma soprattutto questa è la cosa che lo fa restare Vivo.

1 commento

Archiviato in Drama, Thriller

THE BAY

Il cinema è incredibile.

Tu spettatore ti accomodi in sala, convinto di vedere il solito film poco originale a base di found footage, telecamera claudicante e orrore spicciolo, quando ti accorgi improvvisamente e con tua grande meraviglia di non riuscire a staccare gli occhi dallo schermo, nemmeno per il tempo di un singolo battito di ciglia.

Le ragioni che rendono The Bay un piccolo gioiello e a suo modo il primo mattone che va ad inaugurare una nuova stagione del cinema, sono principalmente due e sono complementari l’una all’altra. La prima è la maestria con cui è diretto, non usando un unico punto di vista, ma generando un ibrido mix tra tutti i possibili mezzi espressivi multimediali; mentre la seconda, consequenziale alla prima, è la scoperta che in cabina di regia c’è nientemeno che Barry Levinson, in parte anche responsabile dell’idea che sta alla base della sceneggiatura. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Drama, Horror

IL CECCHINO

locandinapg1Senza tanti inutili giri di parole, c’è qualcosa di preoccupante, anzi di storto e di sbagliato, nella decisione di Michele Placido di andare oltr’alpe per dar vita al suo nuovo film, che fino a prova contraria è un sì polar, ma prima di ogni altra cosa è un buon film di genere, teso, ben diretto e con una sceneggiatura che funziona, insomma un’occasione mancata per fare incasso nel nostro bel paese.

Forse la ragione sta nelle pieghe della strisciante consapevolezza che se un film simile fosse stato prodotto in Italia, probabilmente avrebbe incassato pochino, a dispetto dell’ottimo cast, sicuramente molto meno rispetto a pellicole come Benvenuto presidente o Principe azzurro cercasi. Ancora una volta, sembra che questo paese voglia solo la commedia e sia disposto a premiare solo quella. Ecco dunque lo specchio di un cinema che sembra esclusivamente abitato da pellicole mediocri, fatte con lo stampino, incapaci di qualsiasi guizzo di fantasia, prodotte in un panorama in cui anche alcuni autori si sono dovuti piegare a questo dictat della risata a tutti i costi. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Action, Drama, Thriller

COMPLIANCE

Compliance-posterEcco uno di quei film di cui meno sapete e meglio è.

Potrei fermarmi qui per paura di svelare troppo, ma prometto di non fare accenni alla trama più del necessario e soprattutto giuro che mi impegnerò nel convincervi a cercare, scovare e vedere Compliance, un grande film.

Peccato che si tratti di una pellicola che in Italia per oscure ragioni non vedremo mai e quindi sarete costretti ad usare l’arma impropria del download, probabilmente discutibile, ma al momento l’unico mezzo che vi consenta di vedere pellicole che nel resto del mondo mietono premi e consensi, mentre da noi restano colpevolmente invisibili, introvabili e pericolosamente occultate, ma questa è un’altra storia. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Drama

PROMISED LAND

Promised-LandAl di là della sua prevedibilità e perfino di una certa ingenuità di fondo, il nuovo film diretto da Gus Van Sant ha una sua completezza, una sfacciata, timida ed abbagliante tenerezza, un’invidiabile quadratura del cerchio, che probabilmente si deve solo alla mano del suo autore.

Regista cinematograficamente bipolare, che a volte dirige film estremamente sperimentali, mentre altre si accontenta di firmare progetti decisamente più mainstream, Gus Van Sant non delude e il suo Promised land conquista il cuore, lasciando la mente libera. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Drama