Archivi tag: anteprima

INSIDIOUS: La dignità della Paura al Cinema

Non so voi, personalmente le pellicole che mi spaventano di più, sono quelle con fantasmi e case infestate.

Chi scrive è un appassinato di horror, quindi può affermare con serenità che gli zombie non gli hanno mai provocato il minimo brivido, la stessa cosa dicasi per vampiri, mummie, diavoli e serial killer, ma davanti ad una casa infestata e a qualche ectoplasma della vecchia scuola, vedrete il terrore dipinto negli occhi del vostro affezionatissimo. Non parlo ovviamente delle scorciatoie modaiole, tipo Paranormal activity (citato anche nel lancio di questo film) tanto per intenderci, ma di quelle pellicole in cui lentamente ed inesorabilmente l’inquietudine cresce, fino a darci la sensazione di non essere soli e che se solo lo volessimo per davvero, allora potremmo vedere cose inimmaginabili e terrificanti. Continua a leggere

13 commenti

Archiviato in Horror

SUPER 8: La mia infanzia… il mio cinema

Comincio con una confessione. Se in un film ci sono i bambini o il Natale, io piango. E’ scientifico, matematico, le mie lacrime sgorgano spontaneamente senza che io possa controllarle o ributtale indietro, la voce mi si spezza e il naso cola, mentre mi riduco ad una poco piacevole larva d’uomo scossa dai singhiozzi. Super 8 è il tipico film che spalanca i miei dotti lacrimali e nel finale, mi fa desiderare di essere lì, oltre lo schermo, in compagnia dei suoi piccoli protagonisti, per sognare e crescere insieme a loro.

Data tanta e tale premessa. mi sbilancio e lo dico fin da subito, Super 8, nuovo film diretto da J.J. Abrams e prodotto da Steven Spielberg è splendido, anzi un vero capolavoro che resterà incastonato nel tempo e nella memoria del cinema che verrà. Scalda il cuore assistere ad una pellicola così simile alle opere passate dello Spielberg che fu, penso ovviamente a E.T. e Incontri Ravvicinati, interamente dominata e  abitata da ragazzi, che attraverso uno spirito di corpo e di gruppo ormai appannaggio di un’epoca lontana, lottano e si fanno largo nella vita, sognando il cinema e abbracciando l’amore e l’ignoto. Continua a leggere

9 commenti

Archiviato in Capolavoro, Fatascienza

FOUR LIONS: La risposta del Dio del Cinema a Giobbe.

Alla fine del post, oltre al solito trailer, trovate un brano tratto dalla colonna sonora. L’idea è quella di mettere in play il brano e poi leggere la recensione. Un modo per entrare dentro al film,  respirandone l’atmosfera… o forse solo un gioco.

Parafrasando Manhattan di Woody Allen, viene da pensare che Four Lions sia la risposta del Dio del Cinema a Giobbe. Il Dio del Cinema, infatti, avrebbe indicato la locandina di questa pellicola superba e avrebbe esclamato con vove tonitruante: “Di cose orribili ne ho prodotte tante, ma so anche fare film come questi…”

Pellicola inglese dalla trama semplice, arguta, dissacrante e tagliente, Four Lions (che esce finalmente anche in Italia, ovviamente dopo la puzza) racconta la vicenda di alcuni ragazzi musulmani determinati a farsi saltare in aria in nome della Jihad. Attenzione però, qui si ride parecchio, i tentativi e la preparazione del gesto sono esilaranti, paradossali eppure trattati con un disarmante realismo. Tutto bene direte voi, che  ci vuole, si butta in vacca un tabù e se ne raccolgono frutti, polemiche e risate. Purtroppo però non è così semplice, perchè il film drasticamente e coraggiosamente vira, capovolgendo il sorriso in ghigno, l’ilarità in costernazione. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in Capolavoro, Commedia, Drama

MACHETE: L’omaggio che il genere aspettava da tempo

Robert Rodriguez è il fratellino dispettoso di Questin Tarantino, tutti i suoi film sono puro divertimento, sberleffo, risata ed eccesso.

Machete nasce quasi per scherzo, come falso trailer a far da trait d’union tra Planet Terror (diretto appunto da Rodriguez) e Death Proof  (appannaggio di Tarantino), tasselli dell’operazione Grindhouse. La storia del messicano Danny Trejo in cerca di vendetta e con una spiccata abilità nel maneggiare il machete, era troppo succulenta perchè uno come Rodriguez non decidesse di approfondirla a modo suo.

Il risultato è un film strepitoso, una cascata di trovate, luoghi comuni e ribaltamenti di questi, da far impallidire Stallone e i suoi Expendables. La carta vincente della pellicola è il suo eccesso e la sua disincantata goliardia, che vanno a comporre un lunghissimo omaggio al genere, un vero e proprio inno alla libertà e alla dignità di un certo tipo di cinema, troppo spesso bistrattato, dimenticato e nascosto sotto il tappeto. Continua a leggere

1 commento

Archiviato in Action, Capolavoro

HOBO WITH A SHOTGUN: Verso l’infinito e oltre

Quando uno crede di aver ormai visto tutto, si imbatte in un film come Hobo with a shotgun e allora cambia improvvisamente idea.

Interpretato da un redivivo e manumentale Rutger Hauer, Hobo… è un film talmente eccessivo da far tenerezza, talmente schematico, prevedibile e pacchiano, da meritarsi tutta la stima di chi scrive. Sì, perchè la forza di questo film fuori di testa sta tutta nell’eccesso e nell’esagerazione, a partire dai colori saturi della geniale fotografia.

In una corrotta città senza nome, un vagabondo (hobo, appunto) entra in possesso di un fucile e dice basta, amministrando la giustizia una pallottola per volta. Tutto qui. E vi sembra poco? Semplice lineare e folle, pieno zeppo di trovate in puro stile exploitation, ma anche ricco di amara poesia, questo film che arriva dal nulla per smarrirsi prestissimo nei cestoni dvd dei supermercati, conquista al primo sguardo. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Action, Drama, Horror

WORLD INVASION – BATTLE LOS ANGELES: Guerra, camera a mano e una bandiera a stelle e strisce

Alla fine del post, oltre al solito trailer, trovate un brano tratto dalla colonna sonora. L’idea è quella di mettere in play il brano e poi leggere la recensione. Un modo per entrare dentro al film,  respirandone l’atmosfera… o forse solo un gioco.

In molti si recheranno  a vedere questo film ricercando la fantascienza e in molti ne resteranno delusi, in quanto qui di fantascienza non c’è traccia. Battle Los Angeles, sembra infatti incapace di guadagnarsi l’affetto incondizionato del pubblico a cui in realtà vorrebbe rivolgersi, tradendolo profondamente nel significato e nel significante, per relegare le sue intriganti premesse ad un evocativo spunto narrativo.

Coloro che sono a caccia di sognanti e minacciose storie di stelle e mondi lontani resteranno amaramente delusi, infatti qui la componente aliena non è occasione per sfoggiare mirabolanti effetti speciali, ma risulta essere un pretesto per mettere in scena una vera e propria guerriglia. Moltissima camera a  mano, come va di moda oggi, fa da corollario a questa lotta senza frontiere tra le strade di una Los Angeles deserta e devastata, abbandonata dagli uomini e dalla speranza. Che si tratti della California o dell’Iraq, non sembra esserci differenza e quello che viene rappresentato qui, non è uno scenario futuribile, ma il paradigma di uno scontro armato, la matrice comune  e primaria di ogni guerra moderna, combattuta tra le case della gente, per le strade e all’ombra di un’utopia chiamata libertà. Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in Drama, Fatascienza

TUCKER AND DALE VS EVIL: L’anarcoide ribaltamento di tutto ciò che sembra

Ci sono idee che trascendono lo spazio e il tempo, riconsegnando ai nostri posteri un cinema di inusitata freschezza, figlio di una sperimentazione sana e goliardica, all’insegna del disincanto e della presa in giro. Tucker and Dale vs Evil (Tucker e Dale contro il Male) è l’ennesimo esempio di questo cinema, capace appunto di stupirci e divertirci, senza insegnarci nulla, ma titillando le nostre emozionate papille gustative di appassionati di cinema, per travolgerci con una girandola di assurdo nonsense.

In breve la trama: Due bifolchi in vacanza, si troveranno a dover affrontare un gruppo di invadenti teenager, convinti di aver a che fare con due psicopatici da slasher movie. Affastellando un numero impressionante di malintesi ed incidenti, i giovani inizieranno a morire uno ad uno, radicando sempre più nella mente dei nostri amabili protagonisti, l’idea che un gruppo di sgallettati abbia scelto la loro proprietà per mettere in atto un suicidio di massa. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Horror