BED TIME: Oscura normalità

Alzi la mano chi ha già visto almeno un film che racconta di uno squilibrato che perseguita una bella ragazza.

Ok, giù le mani e non fate quei sorrisini compiaciuti di chi pensa di aver già capito tutto, potreste restare piacevolmente sorpresi.

Il buon Jaume Balaguerò ha fatto cose ben più memorabili di questo thriller piuttosto alimentare, a cominciare dal celebratissimo Rec fino ai meno conosciuti Nameless e Darkness, eppure Bed Time non è affatto da buttare, almeno per un paio di ottime ragioni: il suo protagonista ed il finale.

César, portiere di un palazzo signorile, nascosto dietro la sua apparente banalità, si diverte a tormentare le notti di un’avvenente giovane inquilina. Sarà l’inizio di un diabolico piano che  cambierà molte cose.

Interpretato dal bravissimo e pericolosamente normale Luis Tosar, Bed Time ha il suo punto di forza non nello sviluppo di una trama ormai trita e ritrita, ma nella mefistofelica rappresentazione della banalità che da sempre ci circonda riempiendo gli spazi vuoti intorno a noi. Il portiere César, meticoloso, silenzioso e apparentemente premuroso, mette a dura prova l’effimero equilibrio delle nostre vite, arrivando a palesare la relativa facilità con cui può incrinarsi la superficie perfetta su cui abbiamo costruito le nostre certezze.

Come un equilibrista o un ballerino, César si muove in un mondo di ombra ed oscurità, scrutando dentro di noi ed attraverso noi, scorgendo debolezze e vulnerabilità. Come in uno specchio nero come la notte, oscuro come l’anima e la verità, tutto ci viene risputato addosso, sopraffacendoci e rendendoci inermi di fronte alla manifestazione del semplice, incomprensibile ed assoluto male. In questo senso il finale del film è il coronamento di una parabola malvagia  e senza luce, capace di incrinare il nostro sorriso compiaciuto tipico di chi pensa di sapere tutto e di aver ormai visto tutto.

Non il miglior film di Balaguerò, ma una pellicola piccola e mefistofelica con un protagonista mai così tangibile e reale, una caduta a precipizio nell’abisso di una nosrmalità che non esiste.

.

VOTO

♥ ♥

.

About these ads

3 commenti

Archiviato in Thriller

3 risposte a “BED TIME: Oscura normalità

  1. Mi trovi sostanzialmente d’accordo. Non è proprio il massimo, ma certi elementi, Tosar su tutti, lo rendono decisamente interessante.

  2. Oana

    Non mi è proprio piaciuto questo film.. Noioso.. Banale.. Il finale è troppo scontato… Anzi, tutto il film è troppo scontato! Non c’è mai un momento di suspance. Avrei preferito spendere quegli 8 euro per un altro film

    • Spero di non essere stato la causa della tua delusione… Certo e’ un film che per certi versi ho apprezzato, anche se come hai detto tu non propone certo qualcosa di nuovo, ma il buon thriller sta tutto da un’altra parte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...