VIAGGIO NELL’ISOLA MISTERIOSA: Tornar bambini

Ci sono alcune occasioni in cui vorrei tornare bambino.

Rari momenti in cui penso a come sarebbe bello leggere quel libro per la prima volta o vedere quel film con occhi vergini. Sono attimi miei in cui sogno ad occhi aperti, desiderando di tornare indietro, rifare tutto da capo ed emozionarmi di nuovo come un tempo.

Di solito questa non comune sindrome si impadronisce di me ogni volta che poso lo sguardo su di una pellicola che mi fa provare qualcosa che non provavo da tempo, un fremito infantile, un’antica febbre che mi riporta i sapori e gli odori di un tempo che fu. Viaggio nell’Isola misteriosa è l’ultimo fattore scatenante di questa piacevolissima reazione allergica. Il film, seguito del già notevole Viaggio al centro della terra, non fa altro che riproporre quell’avventura da bancarella dell’usato che tanto riempiva la mia vita di bambino.

Prendete la letteratura di Jules Verne e frullatela  con altri miti e leggende sempre verdi, agiate bene e servite il tutto ben freddo in un amaro calice di ricordi, corredato di un bell’ombrellino di nostalgia e il gioco è fatto, non serve altro per far emozionare un adulto grande e grosso di quarant’anni suonati, cresciuto guardando e riguardando i film di Indiana Jones. Sì perché Viaggio nell’Isola Misteriosa è chiaramente solo un film per famiglie, ma possiede in nuce quello spirito d’avventura e quella voglia di meraviglia che tutti i bambini celano nel cuore e che alcuni adulti più fortunati sanno ancora riconoscere ed ascoltare.

Ragni giganti, elefanti in miniatura, Atlantide, il Nautilus, un volo a perdifiato su delle api extra large e l’ennesima promessa di un’altra avventura forse ancora più grandiosa, diciamolo chiaro e tondo è praticamente impossibile resistere all’ingenuo e chiassoso richiamo di questo film un po’ sciocco, ma di certo molto sincero. Perso per strada il legnoso Brendan Fraser, ma arruolati il simpatico Dwayne The Rock Johnson e l’inossidabile Michael Caine, il gioco funziona ancora alla grande, sempre e comunque grazie alla presenza di Jules Verne, base di partenza per avventure sconfinate, terre lontane e sogni sognati ai confini dell’impossibile.

In un attimo il tempo passa, il viaggio finisce e si esce dalla sala frastornati, satolli di emozioni e luoghi, sogni e nostalgia, desiderando ancora una volta e più forte che mai di poter tornar bambini per credere anche solo per un attimo che tutto questo sia davvero possibile.

.

LA SCENA CHE VALE IL FILM

Il volo a dorso di ape, rutilante e divertente.

L’ANGOLO DELL’INTRIGANTE NOZIONISMO

Josh Hutcherson (il giovane protagonista) prima di diventare famoso con il suo ruolo in The Hunger Games, ha interpretato molti film fin da giovanissimo, tra cui mi piace ricordare il sottovalutato Un ponte per Terabithia e il troppo velocemente liquidato come clone di Jumanji, Zathura, astro avventura di crescita fraterna tra pianeti e galassie lontane. Dwaine The Rock Johnson, ha debuttato come Re Scorpione ne La MUmmia 2, per poi imporsi come interprete di action movie, ma anche di film per famiglie, dimostrando un’inaspettata anima comica. Film preferito? Il muscolare ed adrenalinico Fast & Furious 5 e il dolcissimo Cambio di gioco, film Disney per tutta la famiglia. Michael Caine ha interpretato talmente tanti film che meriterebbe un blog a parte, dovendo scegliere nel mucchio: sicuramente il qui già citato Senza indizio, l’esilarante Due figli di… al fianco di Steve Martin, il commovente Le regole della casa del sidro (che gli valse un Oscar), lo splendido I figli degli uomini e il misconosciuto e sottovalutatissimo The Weather man.

.

About these ads

Lascia un commento

Archiviato in Action, Avventura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...