ACT OF VALOR: Uomini, guerra, retorica, stelle e strisce

Spiace doverlo ammettere così candidamente, ma siamo uomini (almeno io) e ai maschietti giocare alla guerra piace tanto.

Per la stessa ragione genetica secondo cui alle femminucce piacciono i film d’amore, così ai maschietti piacciono esplosioni, fango e sangue, non necessariamente in quest’ordine.

Ecco quindi che Act of valor arriva puntuale e malandrino per far leva sul testosterone che alberga in noi, consapevole di proporre una visione schematica e prevedibile, retorica e pubblicitaria, ma contemporaneamente e sinceramente in grado di smuovere qualcosa di atavico seppellito molto in profondità all’interno del nostro cuore. Qualcosa che ha l’odore della polvere del cortile della nostra infanzia nel quale giocavamo con i pantaloncini corti, con gli amici di sempre, alla guerra.

Dimenticando il retorico ed irritante inizio, in cui la vita normale e familiare prende il soppravvento sulle missioni di guerriglia, un film come Act of valor non è molto diverso da quei filmacci muscolari e sudaticci che andavamo a vedere tanti anni fa nelle affollatissime sale cinematografiche della nostra adolescenza. In modo certamente non dissimile dai film di Stallone, Schwarzenegger e soci, questa pellicola del 2012, rea di far garrire senza pudore ancora una volta e fuori tempo massimo la bandiera a stelle e strisce, si occupa di uomini impegnati in missioni sul campo, a metà tra il sensazionalismo tutto macho della divisa che indossano e l’eroismo di chi  sacrifica la propria vita per un ideale o per salvare quella di un altro.

Scremato da tutta la già citata retorica dell’irritante voce fuori campo, da un’impressionante dose di frasi fatte, di un’imbarazzante quantità di tramonti e di una raffica a tradimento di promesse sussurrate a fior di labbra, quello che resta di Act of valor è un compatto plotone di scene d’azione durissime ed ottimamente girate, che restano il vero valore di un film fin troppo facile da denigrare. Purtroppo nel calderone ci finiscono i terroristi, i cartelli della droga e un briciolo di cecenia, infischiandosene delle sfumature e dividendo il mondo in un’assurda monocromia di valori  buona per un happy meal da McDonald.

Usciti dal cinema irrita non scorgere la ben minima critica all’operato della nazione più potente del mondo, così come appare incredibile pensare che le missioni portate a termine si svolgano in modo così chirurgico, senza cedere mai alla tentazione di un uso non necessario della forza, eppure fatte le debite eccezioni, Act of valor convince proprio per la sua linearità e per la sincerità con cui si abbandona al mantra  quasi religioso che racconta.

Come nei già citati film di Stallone e dei suoi muscolosi compari, restano una serie di sequenze di azione e tattica militare quasi ipnotiche e girate veramente con incredibile forza come non capitava di vedere da tanto tantissimo tempo, tutto il resto è poco più di nulla.

Decidete voi se sia abbastanza. Il bambino con i calzoncini corti che alberga in me lo ha trovato più che sufficiente.

.

LA SCENA CHE VALE IL FILM

L’attacco finale.

L’ANGOLO DELL’INTRIGANTE NOZIONISMO

Il film non solo è basato su vere azioni dei navy seals, ma è anche interpretato da alcuni di loro. Insomma un vero e proprio spot per l’arruolamento, anche se personalmente non ha mi ha per nulla invogliato, anzi…

.

About these ads

2 commenti

Archiviato in Action, Drama

2 risposte a “ACT OF VALOR: Uomini, guerra, retorica, stelle e strisce

  1. ale55andra

    Sarò strana io ma non amo i film d’amore e generalmente apprezzo quelli testosteronici :)

    • Confessione per confessione, sarò strano anch’io, ma non ho nulla contro i film d’amore, anzi alcuni di loro sono tra i miei preferiti: I ponti di Madison County, Quel che resta del giorno, Love actually, Non lasciarmi, Ragione e sentimento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...