ANIMALS UNITED: Idea di finale tra senso, misura e lacrime

Fatto salvo che si tratta di un film per bambini e che l’animazione non è proprio a livelli altissimi, bisogna però dare atto a questa produzione tedesca di saper spingere i tasti giusti, insistendo sulla salvaguardia dell’ambiente e soprattutto regalandoci un finale sinceramente bellissimo.

In molti storceranno il naso di fronte ad un prodotto come questo, dichiaratamente dedicato ai più piccoli, ma si sa, piaccia o meno, l’animazione non può essere solo appannaggio di compiaciuti adulti, pronti ad entusiasmarsi ora per la torrenziale pioggia di citazioni cinematografiche, ora per le tematiche scomode e le riflessioni colte proposte. In questo senso Animals United è profondamente e completamente pensato e realizzato per un publlico in crescita, pronto a far tesoro del messaggio edificante di cui il film si fa fiero portatore.

Frequentato con caparbia insistenza dalla morte, ben tre le dipartite tra i protagonisti, Animals United non manca certo di coraggio e spessore, peccando forse solo dal punto di vista tecnico a causa di un’animazione a tratti poco fluida e spesso capace di far rimpiangere l’antica tradizione del disegno fatto a mano. Perdonando molte ingenuità ed un bad guy davvero inconsistente, il film lavora per i suoi piccoli spettatori, recando con se un messaggio di allarme e  speranza per tutta la natura.

Vale sempre la pena dunque di tener presenta che Animals United va valutato non in maniera assoluta, ma in quanto pellicola dedicata ad un pubblico diverso, con esigenze profondamente diverse. Il cinema di animazione si è ultimamente allontanato dai suoi fruitori per eccellenza, ricercando soddisfazioni tra gli assolati territori della compiaciuta età adulta, dando un colpo al cerchio modaiolo del 3d ed uno all’antica e blasonata botte della cultura di massa per palati esigenti ma non troppo.

Ma tutte queste sono solo chiacchiere, in verità quello che conta è il finale del film, che vede una moltitudine di animali che arrivano in delegazione a New York per rendere conto agli umani della situazione in cui versa il pianeta, incredibilmente retorico certo, ma anche splendidamente efficace e capace di arrivare a colpire il cuore di noi spettatori. Marmorizzati dalla quotidianità e arroccati nella nostra spocchiosa torre d’avorio, fatta di pregiudizi verso un cinema che dovrebbe essere maggiormente dedicato ai più piccini, ci ritroveremo disarmati e commossi, preda di un fiume di sincere e disarmanti lacrime, capaci da sole di restituirci un senso, una misura, un sorriso.

VOTO
Se avete da 00 a 13 anni: Bello, 8
Se avete da 13 a 20 anni: Per i più piccoli, 6
Se avete da 20 a 30 anni: Per i più piccoli, 6
Se avete da 30 a 40 anni: Ci ho portato mia figlia, 7
Se avete da 40 anni in su: Ci ho portato mia nipote, 7

About these ads

Lascia un commento

Archiviato in Animazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...