HOUSSY’s XMAS: Il piccolo Lord

L’idea è quella di regalarvi (!?) un calendario dell’avvento cinematografico. Ogni giorno dal primo di Dicembre, fino al giorno di Natale, pubblicherò a mezzanotte ed un minuto, la recensione di un film natalizio.

L’idea è quella di accompagnarvi passo passo, scoprendo ogni giorno insieme a voi un film diverso, verso il lungo cammino che ci porterà al Natale prossimo venturo.

 

Le feste natalizie portano con se tutta una serie di film, che immancabilmente ogni anno, le emittente di tutto il mondo trasmettono non senza una puntina di orgoglio. La parte del leone spetta a Chaplin, ma anche Tutti insieme appassionatamente e Mary Poppins hanno la loro fetta di effimera gloria festaiola.

Il piccolo Lord non fa eccezione e dall’anno della sua uscita (1980) non è mai venuto meno dal far sentire la propria voce dai teleschermi italiani, probabilmente non senza ragione. Per cominciare il film si conclude con un pantagruelico e gioioso pranzo di Natale e in secondo luogo l’atmosfera che si respira al suo interno, ben predispone al clima delle feste.

Se Ricky Schroder assapora il suo momento di gloria passeggera (veniva da Il Campione, sarebbe passato per la serie televisiva Il mio amico Ricky per poi approdare al nulla), è Alec Guinness il vero protagonista di questa vicenda, nobile nonno burbero lentamente ma inesorabilmente conquistato dal candore del nipotino.

Sono proprio le sue occhiate e il lento distendersi del suo volto a dare il passo ad un film altrimenti banale e a tratti sciatto. Ammorbato da una patina di bontà talmente zuccherosa ed esagerata, da apparire finta, Il piccolo Lord conquista comunque per la semplicità del suo assunto. Il resto è amore a profusione, qualche risata e molta nobiltà inglese contrapposta al ben noto candore  yankee.

Mieloso ma a tratti sapido, telefonato ma non privo di grazia, Il piccolo Lord ha il sapore delle vecchie storie, anzi dei classici senza tempo, ormai perduti nelle profondità del nostro cuore, confusi tra le pieghe dei nostri ricordi, in una terra di nessuno a metà strada tra il sogno di un fanciullo e il rimpianto di un uomo.

Auguri di Natale finali de Il piccolo Lord

About these ads

Lascia un commento

Archiviato in XMas

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...