HOUSSY’s XMAS: Love Actually

L’idea è quella di regalarvi (!?) un calendario dell’avvento cinematografico. Ogni giorno dal primo di Dicembre, fino al giorno di Natale, pubblicherò a mezzanotte ed un minuto, la recensione di un film natalizio.

L’idea è quella di accompagnarvi passo passo, scoprendo ogni giorno insieme a voi un film diverso, verso il lungo cammino che ci porterà al Natale prossimo venturo.

Non lasciatevi ingannare, questo film è un capolavoro, nel suo genere è chiaro, ma sempre di capolavoro si tratta.

Pellicola corale assoluta, capace da sola di mettere la parola fine a tutte le commedie romantiche prodotte fino a questo momento (sul genere Notting Hill, tanto per capirci), Love Actually ha il grande merito di essere estremamente divertente, ottimamente interpretata e splendidamente emozionante.

L’amore in tutte le sue forme e le sue sfaccettature, dalla pura amicizia alla famiglia, dall’amore impossibile a quello romantico e corrisposto, fino al tradimento e la morte, ogni possibile accezione di questo sentimento universale, viene qui approfondito o semplicemente sfiorato. Con una levità di scrittura ed interpretazione che ha del sensazionale, Love Actually si imprime per sempre nelle nostre menti, ma soprattutto nei nostri stanchi cuori, ormai disillusi e disincantati.

Lo ammetto, Love Actually è quel tipo di film che vedrei mille volte senza stancarmi mai, non so se a voi è mai capitato, ma esistono pellicole che catalizzano la nostra attenzione, mandando in corto circuito le nostre sinapsi. Film inspiegabilmente dotati di una grazia speciale e preziosa, capace di arrivare a sfiorare i più segreti anfratti del nostro cuore.

Grazie a sequenze memorabili interpretate da attori in stato di grazia (una su tutte, la scena in cui una tradita Emma Thompson si rifugia tra le note e le parole di Jony Mitchell), tanto sentimento, spirito natalizio e un geniale adattamento di Love is all around, Love Actually è film da non sottovalutare, in quanto con una disarmante e sincera semplicità, esplora l’animo umano, le sue contraddizioni, le sue paure e la sua imprevidibile meraviglia.

Da guardare sotto le feste, abbracciati a qualcuno che si ama, o da soli, stringendo al cuore qualcosa di veramente caldo, pronti ad emozionarsi e a piangere senza vergogna.

Trailer originale del film.

Montaggio di varie scene del film, accompagnate da All you need is love

About these ads

6 commenti

Archiviato in XMas

6 risposte a “HOUSSY’s XMAS: Love Actually

  1. agegiofilm

    Ohhhh: finalmente qualcuno che lo valuta per quello che è. Oltre ad essere un film natalizio è una commedia ben scritta, ben interpretata e ben congegnata. Anche se non la inserirei nella mia Top 100, devo ammettere che si guarda ancora volentieri.

  2. signorapieri

    Questo film mi piace moltissimo. Io al contrario di gegio la inserirei nella top 10, ma di sicuro lui è molto più tecnico di me.
    Quello che non mi spiego è che il mio non marito continua a dirmi che mi voleva portarmi la cinema a vederlo e io ho rifiutato, credo non sia possibile .
    Se poi guardi i contenuti speciali ci sono cose molto divertenti.

  3. agegiofilm

    @ Signorapieri: Ci si pente spesso di non esser andati al cinema per certi film. E solo il tempo, a volte, è galantuomo.

  4. Lo ammetto, Love Actually è quel tipo di film che vedrei mille volte senza stancarmi mai, non so se a voi è mai capitato, ma esistono pellicole che catalizzano la nostra attenzione, mandando in corto circuito le nostre sinapsi.

    Mi capita e proprio con Love actually! E’ tanto che non fanno un film così…

    • Soffro della stessa tua sindrome, quando vedo Love Actually, vorrei che durasse per sempre… così pieno di idee e di dialoghi azzeccati, di risate di pancia e lacrime di cuore. Basterebbe la scena iniziale dell’aeroporto, ma l’intero film è un tripudio di trovate ed epifanie. La mia scena preferita? Semplice, quella in cui una splendida Emma Thompson, ascolta da sola, piangendo il disco di Joni Mitchell, appena regalatole da Alan Richman. Lì, c’è tutta la rabbia, il dolore, la delusione e la fierezza di una donna che sa di essere stata tradita…. spettacolare!.
      A presto.
      Houssy

  5. Mi hai fatto venire i brividi, è anche per me una scena imprescindibile (ma quanto è brava e bella Emma Thompson? Ma credo che potrei fare questo commento per metà cast… )….
    Posso aggiungere che Alan Rickman è un folle a preferire la segretaria – canonica e troppo perfetta per accendere stimoli?

    Pensieri superficiali, forse, ma non è così che capita, spesso? dimenticare la meraviglia che si ha accanto per una curiosità patinata?
    Bello, bello, bello. Anche questo Natale lo riguarderò.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...