SHADOW: Tiromancino

Partiamo dal principio e cerchiamo di seguire un filo logico. Di Shadow sento parlare da quasi un anno e da allora ne sono attratto, incuriosito, affascinato. Non solo. Da quasi sei mesi ho potuto vederne il trailer e da allora l’attesa si è fatta ancora più snervante. Shadow (per tutti coloro che non lo sapessero) è il nuovo film di Federico Zampaglione (avete capito bene, proprio il leader dei Tiromancino) ed è uno splendido horror, ne ho letto meraviglie sulle riviste specializzate, ha ottenuto lodi ovunque sia stato proiettato e infine ha vinto il premio “Nocturno Prime visioni” al Science+Fiction di Trieste.

Shadow avrebbe dovuto uscire in sala questo venerdì, il 23 di Aprile del 2010, lo dicevano i trailer e lo confermavano i manifesti, invece niente. Allora perchè scrivere questo post, mi chiederete voi? Perchè sprecare tempo e parole per un film che doveva uscire ora e che invece uscirà (almeno così sembra) tra un mese e cioè verso metà maggio? La risposta è semplice: Mi sono stancato di farmi prendere in giro e così spero di voi.

Quando si finirà di trattare noi spettatori come poveri dementi? Quando finalmente, le case di produzione e/o distribuzione ci inizieranno a trattare come adulti e non come bambini del nido?

Prendete ad esempio una manciata di film usciti negli ultimi tempi. Il trailer di Senza controllo (gran bel film con Mel Gibson) lo presentava al pubblico come un action al cardiopalma (in realtà si tratta di un thriller a sfondo politico), bravi. Colpo di fulmine-il mago della truffa (ultima fatica di Jim carrey) ci è stato presentato come una commedia caciarona, demenziale e chiassosa in stile Dick e Jane operazione furto (invece si tratta di una commedia a sfondo drammatico con al centro il tema dell’omosessualità), complimenti. Oceani in 3d ora in uscita sui nostri schermi, ha bisogno del doppiaggio di Aldo, Giovanni e Giacomo per vedere la luce di una sala cinematografica (il prezzo da pagare è quello di accompagnare immagini bellissime delle creature che abitano gli abissi, con gridolini del tipo: Miiinchiaaaa lo squaloooo!!!!), applausi.

Tornando a Shadow, il trailer non solo non specifica chi sia il regista del film (grossissima caduta di stile), ma nemmeno ci lascia intuire che si tratta di un film italiano. Come si può pensare di fare cinema di qualità se i produttori per primi non hanno fiducia nelle loro creature, buttandoli in pasto ad un pubblico impreparato e approssimativamente pronto ad accoglierene il prodotto. Postdatarne l’uscita poi, non fa complicare le cose, intanto tutti i trailer rimandavano chiaramente alla fine di Aprile, ma come se non bastasse, la nuova data di uscita coincide con un periodo in cui storicamente nel nostro paese, al cinema  non ci va nessuno.

Hard candy (reperibile solo in dvd), Carriers (non ha ancora una data di distribuzione), The box (inizialmente annunciato per febbraio e poi cancellato), sono solo alcuni dei titoli finiti nel limbo della mala distribuzione italiana e si tratta di ottimi film, quasi tutti. Mi auguro che Shadow non subisca lo stesso trattamento, il film non lo merita, non lo merita il suo coraggioso regista e non lo meritiamo noi spettatori, ancora una volta e sempre, pronti ad emozionarci appena si spengono le luci in sala.

Il bel paese sembra in grado di sfornare solo commedie romantiche alla disperata ricerca della felicità, ma se il trattamento che riserviamo a chi cerca di uscire da quei solchi tracciati nel terreno è questo, che futuro potrà mai avere il nostro cinema? E ancora, che futuro dobbiamo aspettarci nei confronti di un cinema che ci considera soggetti incapaci di decidere con la propria testa cosa vedere e cosa no, che addirittura non ci da gli elementi giusti per farlo. Quando si spendono milioni e milioni per lanciare film che non ne avrebbero bisogno (Avatar anche senza la sua campagna pubblicitaria miliardaria avrebbe incassato tantisimo) e si sorvola colpevolmente su prodotti preziosi come Shadow, lasciandone la fruizione ad un pubblico troppo preparato, tagliando fuori tutti quelli che non leggono riviste di cinema specializzate o che spulciano la rete a caccia di tesori perduti.

Credo che ci sia qualcosa di distonico nel modo di proporre la settima arte e non credo che sia colpa (ancora una volta) dell’avvento delle multisale, le ragioni sono più profonde, affondano le proprie radici nel fango dell’ignoranza , nel lerciume del profitto a tutti i costi e nel letame dell’omologazione forzata dai contributi statali (almeno per il cinema italiano). Una volta per tutte, Shadow e i suoi simili non sono film di nicchia, ma semplicemente bellissimi film e renderli invisibili è il peggior crimine che si possa commettere, equivale a ucciderli.

Restituiteci il cinema, altrimenti per il cinema stesso non c’è futuro.

Requiescat in pace…

About these ads

11 commenti

Archiviato in Uncategorized

11 risposte a “SHADOW: Tiromancino

  1. vanessa ferrero

    Ciao, sono Vanessa Ferrero la produttrice di Shadow.
    Leggendo il tuo post, volevo darti alcune spiegazioni.
    Nel film, noi crediamo molto e vogliamo cercare di metterlo nelle sale nel miglior modo possibile.
    Ben saprai che l’horror italiano non ha vita facile attualmente, e il 23 Aprile usciva anche TheCrazies per la Medusa.
    Sarebbe stata una lotta impari, in quanto per noi sarebbero rimasti davvero pochissimi spazi, indipendentemente dalla qualita’ di Shadow.
    Nei multisala( sotti i 15 schermi) non monterebbero mai, purtroppo, due horror contemporaneamente..La Medusa stessa, in cambio dello spostamento, ci ha offerto di mettere il nostro trailer prima di The Crazies , ed al 14 Maggio avremo circa il triplo delle sale in tutta italia. Non male direi.
    Non mi sembra certo un modo di affossare il film, che abbiamo prodotto solo con le nostre forze e la nostra passione, ma essendo una piccola distribuzione dobbiamo lottare per dare visibilita’ nei cinema ai nostri prodotti, specie se di grande livello espressivo come Shadow.
    Cmq grazie per l’interesse sul film e per l’entusiasmo con cui attendi la sua uscita.
    Speriamo che in futuro la produzione horror italiana, sara’ di nuovo prioritaria per distributori, pubblico e proprietari di sale.
    Con stima Vanessa Ferrero

    • Carissima Vanessa, grazie a te per le esaustive spiegazioni…

      Devo dirti la verità, ero informato del fatto che un film come Shadow ha lottato con le unghie e con i denti per essere realizzato (a questo punto la palla passa alla distribuzione), la mia rabbia nasce proprio dal fatto che si fatichi così tanto per avere cinema di genere in un paese che in passato ha dato tanto all’horror e non solo ad esso.

      Trovo ingiusto che si dia preferenza a The Crazies a scapito di un film come quello del buon Federico Zampaglione, di cui francamente si sente la mancanza in questo paese.

      Trovo sbagliato inoltre che i film di genere vengano sempre messi in secondo piano, dimenticando che, per esempio Shutter Island (per restare al passato prossimo) è un film di genere (e che film!).

      Non esistono generi di serie A e di serie B, esiste solo il buon cinema ed il cattivo cinema, credo che Shadow appartenga al primo genere (già solo per il fatto di osare proponendo un horror made in Italy, ha tutta la mia stima) e per quel che mi sarà possibile cercherò di sostenerlo e pubblicizzarlo con tutto il mio entusiasmo.

      Matteo Righi

  2. vanessa ferrero

    grazie ancora Matteo.sono comunque assolutamente d’accordo con te.
    Noi come produzione (ELLEMME GROUP) cercheremo sempre di dare spazio al genere, perche’ lo amiamo e lo rispettiamo davvero.
    Speriamo che il film di Federico venga ben accolto al botteghino (nessuno si aspetta miracoli ma un risultato dignitoso) in modo di continuare ad investire sull’ horror italiano e portarlo all’estero.
    Shadow fuori italia e’ gia’ un picccolo caso cinematografico.
    Al momento siamo gli unici con queste intenzioni, ma chissa’ che a breve le cose non comincino a cambiare.
    un caro saluto.Vanessa

    • Lascio questo piccolo commento in calce alla vicenda Shadow, semplicemente per dire che il film è rimasto a Bologna la bellezza di una settimana. Programmato in un’unica sala, il sottoscritto ne aveva organizzata la visione per lunedì 24 con un amico egualmente appassionato di cinema.
      Purtroppo mi sarà impossibile vedere il film in questione, in tutta Bologna e provincia la pellicola è scomparsa, non mi resta che recarmi a Ferrara, dove ho visto che una multisala lo programma ancora.
      Non è escluso che decida di farlo, ma la mia delusione è grandissima, verso un paese ed un cinema che sempre più spesso premiano la mediocrità, il tele-tormentone e i prodotti dei soliti noti.
      Quando finiremo di occuparci della ricerca della felicità a tutti i costi, dell’amore impossibile e delle corna del nostro vicino di casa, per ricordarci che un altro tipo di cinema è ancora possibile ?
      Grazie comunque a Shadow, al suo regista e ai suoi produttori, che hanno saputo credere in questo sogno fino a farlo diventare realtà… una realtà che avrei voluto tanto condividere.

      Matteo

  3. Pingback: PREVISIONI DI CINEMA: Dal 12 al 19 Maggio 2010 « Houssy's Movies 2.0

  4. isa

    in puglia il film è uscito in DUE sale.
    Trovo tutto questo realmente scandaloso. Lo stesso Zampaglione parla di film boicottato, ed io mi domando, che senso ha spendere soldi per realizzare un ( a quel che si dice ) bell’horror e poi farlo morire così non programmandolo nei cinema.
    E’ veramente triste tutto ciò.
    Avrei voluto vederlo al cinema, ma, come per tutti o quasi gli horror ( tranne quella decina l’anno che vengono programmati ) dovrò utilizzare altre forme.

  5. ema

    carissima, vanessa ferrero a me il film è piaciuto tantissimo e voglio farvi i piu sinceri complimenti , anche se molto forte come film XD Mi piacerebbe molto partecipare a qualche vostro film e cast *_* cmq ancora complimenti e buon proseguimento

    • Spero tanto che Vanessa Ferrero possa leggere e considerare la tua proposta… In bocca al lupo per la tua passione e per il tuo sogno che possano realizzarsi nel prossimo futuro.

      Houssy

  6. Salve,
    non voglio entrare nei dettagli, perchè se no sembra che sia solo un giudizio negativo…
    Dico che l’idea generale, è davvero interessante, il finale è epico quanto drammatico, per un film italiano pensavo peggio!
    Tecnicamente non raggiunge livelli standard, ma ha un finale davvero sconvolgente.

    Ciao

    p.s. non riesco a trovare la recensione su Carriers, a cui sono affezzionato per via della grande similitudine con il mio cognome, e anche perchè i miei vecchi amici del liceo (quelli un pò rap), mi chiamavano appunto Carriers (che inventiva!).
    Un film non malaccio, riesce a trasmettere l’atmosfera post apocalisse!

    • Shadow non è male… il finale però è identico ad Allucinazione Perversa, film diretto da Adrian Lyne con Tim Robbins.

      Se vuoi leggere la recensione dello straordinario Carriers, vai su Cerca (in alto sulla destra) e digita il titolo del film. Seguendo lo stesso iter troverai anche la recensione a Shadow, questo è solo un post sulla sua mancata uscita… chiaramente se sei interessato.

  7. Caro Houssy,
    chiaramente sono interessato!
    e comunque da domani vedrò i nuovi film che hai recensito, ( e scusa se lo dico) su megavideo … essendo studente universitario non posso permettermi tante uscite al cinema…
    Un abbraccio! commenterò domani Carriers e spero Super 8 ..
    a domani!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...